Vini & C Flash – Un comparto in pillole

ll mercato del beverage in pillole. Dati essenziali sulle aziende e le dinamiche del settore. Per fornire un colpo d’occhio sempre aggiornato.

Fonte Margherita, storica azienda vicentina produttrice delle acque minerali Azzurra e Alba, è stata rilevataa da Denis Moro, imprenditore attivo nel mondo della finanzaxcon la banca d’affari Sky Island, con l’obiettivo di rilanciarla e valorizzarne le fonti.

Selecta, leader nel vending e nell’Office Coffee Service e Pelican Rouge, principale competitor, hanno raggiuntoun accordo per unire le loro attività. Tramite l’acquisizione di Pelican Rouge, Selecta darà vita ad un’infrastruttura unica nell’ ambito della distribuzione e del coffee service, con una presenza in 15 paesi d’Europa. Dopo questa operazione il fatturato di Selecta salirà di oltre 1,3 miliardi di euro.

Acque Minerali d’Italia, titolare dei brand Norda, Sangemini e Gaudianello, ha scelto la tecnologia OPERA di Sacmi in grado di raggiungere una capacità prduttiva di32mila bottiglie l’ora.

Gruppo Vinicolo Santa Margherita ha chiuso l’esercizio 2016 con un fatturato netto di 157,0 milioni di euro ed un EBITDA di 54,6 milioni di euro. In termini percentuali la crescita è stata del 32,9%. Forte crescita in Usa, +69,5% e in Russia, dove gli acquisiti dei vini sono più che raddoppiati. Bene anche Italia (+0,9%), Germania (+7,8%) e Svizzera (+13,2%)

Italian Wine Brands cresce leggermente di fatturato, perde in redditività ma dimezza il debito. I risultati del bilancio 2016 della società quotata nel listino Aim e che comprende i brand Giordano Vini e Provinco evidenziano un fatturato pari a 145,94 milioni di euro, in crescita dello 0,77% rispetto all’esercizio precedente, sostenuto dall’export  (+10,8%) che genera il 72% delle vendite totali. Il margine operativo lordo è sceso da 13,37 a 11,32 milioni di euro (-15,35%), in linea con la flessione del risultato netto pari a 4,69 milioni di euro contro i 5,51 del 2015. La posizione finanziaria netta a fine 2016 è in negativo per 10,47 milioni di euro contro i 20,6 milioni del 2015.