Campari cede i vini francesi

Il gruppo Campari ha siglato un accordo per la cessione dei vini francesi Château de Sancerre a Maison Ackerman, la divisione vinicola di Terrena, un’azienda con sede in Francia e attiva in diversi ambiti dell’industria agricola. Il corrispettivo dell’operazione (enterprise calue) è pari a 20,5 milioni di euro. Il business ceduto comprende i vini Sancerre nonché immobili, i vigneti, impianti per la vinificazione e la produzione e magazzino.
Nel 2016 la cantina Château de Sancerre ha registrato vendite nette per 3,5 milioni.
La cantina Château de Sancerre possiede più di 55 ettari di vigneti e il suo portafoglio comprende vini altamente rinomati della valle della Loira in Francia. La cantina è stata fondata nel 1919 da Louis-Alexandre Marnier Lapostolle, l’ideatore del liquore Grand Marnier, ed era entrata a far parte del perimetro del Gruppo Campari  nel contesto dell’acquisizione di Grand Marnier, completata nel giugno 2016.
Bob Kunze-Concewitz, amministratore delegato di Campari, ha commentato: ‘Con l’accordo per la vendita della cantina Sancerre, che segue le cessioni delle cantine vinicole in Italia e in Cile completate nell’ultimo anno, il Gruppo Campari esce completamente dal business dei vini fermi, in linea con la strategia volta a razionalizzare le attività non strategiche e aumentare il focus sul core business degli spirit. Dall’inizio del 2016 abbiamo ceduto attività non strategiche per un valore complessivo di circa 117 milioni.’.