La carne Halal non può essere bio dice la Corte di Giustizia Ue

“Il logo di produzione biologica europeo non può essere apposto a carni provenienti da macellazione rituale senza previo stordimento” Lo ha ribadito la Corte di Giustiza europea con una sentenza. Pertanto non sarà possibile uitilizzare l’etichettatura ‘agricoltura biologica’ o ‘Ab’ per le carni Halal, ottenute con la macellazione senza stordimento dell’animale, che viene ucciso con un colpo di lama affilata alla gola.
Lo stordimento “è necessario per indurre nell’animale uno stato di incoscienza e di perdita di sensibilità tale da ridurre considerevolmente la sua sofferenza”, spiega la Corte.
La sentenza precisa anche che la carne con certificato Halal “è autorizzata a titolo derogatorio nell’Unione e solo al fine di garantire il rispetto della libertà di religione”. Ma tale eccezione alle regole europee in materia di benessere animale non può, secondo i giudici, consentire di apporre il logo di produzione biologica, che indica “norme più elevate, in particolare in materia di benessere degli animali”.
Secondo le norme europee, infatti, il bestiame deve essere stordito prima della macellazione, per assicurare il rispetto dei diritti degli animali, evitando loro inutili sofferenze. Nella tecnica di macellazione halal, invece, lo stordimento non è previsto. È vero che l’abbattimento tradizionale islamico “richiede un taglio preciso della gola con un coltello affilato al fine di ridurre il più possibile le sofferenze dell’animale”, sottolineano i giudici comunitari, ma la stessa tecnica tuttavia non consente di ridurre “al minimo” le sofferenze della bestia.
La sentenza mette fine a un contenzioso nato in Francia nel 2012, quando l’Oaba (Oeuvre d’Assistance aux Bêtes d’Abattoirs), un’associazione animalista, aveva chiesto al ministero dell’Agricoltura di vietare la dicitura ‘agricoltura biologica’ sulle pubblicità e sulle confezioni di hamburger di carne bovina certificati halal e provenienti da animali macellati senza previo stordimento.
Dopo diversi passaggi, la Corte d’Appello amministrativa di Versailles si è rivolta alla Corte di Giustizia per dirimere la questione. Che ha quindi bocciato il logo di produzione biologica per le carni halal. L’obiettivo delle norme Ue sull’etichettatura biologica è “tutelare e giustificare la fiducia del consumatore nei prodotti etichettati come biologici”, hanno sottolineato i giudici a Lussemburgo.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!