Bosca in Medio Oriente propone Toselli, lo spumante Halal

Un vino, uno spumante, per i Paesi islamici dove bere alcolici è proibito. E’ la scommessa di Cantina Bosca che in Medio Oriente propone uno spumante analcolico e perfettamente in regola con i canoni Halal. 

“Questa verso i consumatori musulmani è la nostra sfida più impegnativa” dice Pia Bosca, che con la sorella Polina guida l’azienda di Canelli. “Ma abbiamo deciso di lanciarla perchè pèensiamo sia importante cercare nuovi sbocchi di mercafto per mantenere i levelli di business”.

Per questo Bosca ha investito in ricerca per arrivare a un prodotto decisamente innovativo. Si è ottenuto un processo in grado di stabilizzare

il succo d’uva, in modo tale che non fermentasse mai. Quindi si è passati alle procedure per la certificazione Halal rilasciata da un ente internazionale.

Da questo studio è nato Il Toselli che è stato presentato a Gulfood 2018.

Oggi i Toselli sono due, “white” e “red”, e sul sito dell’azienda hanno una categoria tutta loro, “Bollicine per tutti”, tra l’innovazione delle “Bollicine di oggi” e la tradizione delle “Bollicine di sempre”. Anche gli abbinamenti consigliati sulle etichette restituiscono il senso dell’incontro tra più mondi: ci sono, per esempio, la seffa, un dessert marocchino tipico delle feste con couscous, mandorla, cannella e latte ai fiori d’arancio, ma anche gli italicissimi “panettone o pandoro”.

La produzione è partita con 5 mila bottiglie annue, vendute per lo più in Italia, ma offerte anche in classe Magnifica sulle rotte di Alitalia verso i paesi arabi. È solo il primo passo di un percorso che guarda moltissimo all’export.

Attualmente le vendite sono soprattutto in Africa, in particolare in Nigeria. Ma il mercato potenziale è anche quello europeo vista la crescente presenza di musiulmani. 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!