Granarolo premiata per il bilancio di sostenibilità

Il Bilancio di Sostenibilità della Granarolo è stato scelto dal Centro Studi Consumerlab, che vede tra i promotori Codacons e Comitas, e inserito nel riconoscimento Future Respect Index 2018, che segnala presso i consumatori i Bilanci di Sostenibilità più chiari ed efficaci. L’analisi ha preso in considerazione 537 Bilanci di Sostenibilità e 40 sono le aziende selezionate.

Le associazioni di consumatori che hanno fatto la valutazione hanno premiato Granarolo per come ha evidenziato una gestione d’impresa rispettosa del futuro, sensibile al bene comune, attenta all’interesse generale e rivolta alla coesione sociale, riconoscendola come un esempio di trasparenza.

Meno acqua, meno antibiotici, meno emissioni, meno diserbanti, più diritti per chi lavora, più trasparenza sull’origine, meno plastica, passando per una remunerazione decorosa del lavoro dell’imprenditore agricolo. Su questi aspetti si basa il percorso avviato da Granarolo per rafforzare la sostenibilità della più grande filiera del latte in Italia, rendicontata nel Bilancio di Sostenibilità, giunto alla sesta edizione. Per farlo, Granarolo ha tenuto conto dei bisogni e delle aspettative di tutti gli stakeholder, attraverso una loro chiara identificazione, mappatura e ascolto, secondo le indicazioni dello Standard Internazionale AA1000–Stakeholder Engagement Standard.

L’impegno di Granarolo rendicontato nel bilancio di sostenibilità evidenzia gli obiettivi che il Gruppo intende raggiungere nel 2018 in termini di sicurezza alimentare, miglioramento della nutrizione, promozione di un’agricoltura e di modelli di produzione sostenibili. Il Gruppo ha individuato alcune tematiche “material” considerate rilevanti per un’azienda agroalimentare e per i propri stakeholder esterni, collegate ai 5 (su 17) sustainable development goals (SDG), verso i quali si sono impegnati 193 paesi aderenti all’ONU:

Sconfiggere la fame (goal 2
)Salute e benessere (goal 3)
Lavoro dignitoso e crescita economia (goal 8)
Consumo e produzione responsabili (goal 12)
Pace, giustizia e istituzioni solide (goal 16)

Nel corso del 2018 è stata ridefinita la matrice di materialità ed è in corso un nuovo momento di ascolto degli stakeholder a 360°. Il nuovo Bilancio di Sostenibilità che verrà presentato a fine maggio darà conto di questo aggiornamento e dell’estensione del perimetro di osservazione conseguente alle recenti acquisizioni in Italia e all’estero.

“Il Gruppo –  dichiara Gianpiero Calzolari, Presidente di Granarolo – sta lavorando da anni ad un modello di filiera sostenibile dove mondo agricolo e di trasformazione sono impegnati nei confronti delle nuove generazioni: da  una parte Granlatte con i suoi allevatori, veri custodi del territorio, che devono sviluppare sempre nuove competenze per produrre nel rispetto del benessere animale e in armonia con l’ambiente, dall’altra Granarolo, che deve e dovrà sempre più dare valore alle materie prime, venendo incontro ai nuovi bisogni dei consumatori,  offrendo loro un cibo più buono e più giusto. Il premio ci fa piacere perché è un importante riconoscimento di questo impegno da parte di coloro ai quali ci rivolgiamo, i nostri consumatori”.

“Si parla tanto e spesso a sproposito di filiera – aggiunge Calzolari -. “La filiera viene talvolta relegata a estemporaneo strumento di marketing. La filiera presuppone uno scambio mutualistico, un contratto di lungo periodo, una consuetudine di condivisione quotidiana degli obiettivi comuni dalla azienda agricola al consumatore, passando per l’industria di trasformazione. Noi siamo filiera sostenibile e attraverso piani di sviluppo importanti e rendicontati annualmente identifichiamo sempre nuovi progetti. Il Bilancio di Sostenibilità rappresenta e rappresenterà sempre più lo strumento per darne conto”.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!