Ottimo inizio di 2019 per l’export dell’Asiago Dop

Ottimi risultati, nei primi quattro mesi del 2019, per l’export dell’Asiago DOP che cresce, rispetto agli stessi mesi del 2018, del 6,4% confermando il primato degli Stati Uniti e segnando buone performace nel Regno Unito, in Messico e Brasile. Prospettive positive si aprono a Singapore, dopo l’inserimento della tipicità veneto-trentina tra le denominazioni d’origine riconosciute nell’accordo tra la UE e il Paese.

Da gennaio ad aprile 2019, le esportazioni di Asiago DOP negli Stati Uniti raggiungono una crescita del 34,7% a quantità e un aumento del prezzo medio del 2,2%. A concorrere al risultato, tra gli altri, anche il progetto triennale europeo “Uncommon Flavors of Europe” coi Consorzi di Tutela Speck Alto Adige e Pecorino Romano. Sostenuto da un programma molto articolato, con azioni dirette su più di trecento punti vendita e un’apprezzata formazione digitale dedicata agli operatori della GDO, il progetto ha confermato il grande interesse per il cibo testimone di una storia autentica e tradizione millenaria che contraddistingue l’Asiago DOP.

Positivi esiti sono stati raggiunti anche nel Regno Unito: l’export cresce del 17% in quantità e del 15% a valore mentre ottime prospettive si aprono a Singapore, dopo l’inserimento dell’Asiago DOP tra le denominazioni d’origine riconosciute nell’accordo tra la UE e il Paese.

Un successo degno di nota è quello del Messico. Qui, la pluriennale azione proattiva del Consorzio unita alla piena tutela nell’ambito degli accordi internazionali, ha messo a segno un +162% a quantità. Confermano la vitalità del continente americano anche i buoni risultati delBrasile, nazione a forte presenza di oriundi italiani, dove l’aumento è stato del 25% a quantità e del 6,3% a volume, risultato che dimostra lo stretto legame tra tradizione, tutela e promozione.

“Le performance dei primi mesi del 2019 – afferma il Presidente del Consorzio, Fiorenzo Rigoni – testimoniano l’efficacia del ruolo dinamico del Consorzio e dei soci che sono impegnati a cogliere le opportunità ovunque esse siano. Il nostro compito, come istituzione, sarà sempre quello di sostenere e tutelare la conoscenza e diffusione di questo inimitabile prodotto permettendo a tutti i consumatori di conoscere ed apprezzare la grande tradizione e le peculiarità dell’Asiago DOP”.