Camst rinuncia a vendere Gastronomia Italiana

Alla fine Camst ha ceduto alle pressioni sindacali e ha rinunciato alla vendita di Gastronomia Italiana, la controllata specializzata nella produzione di piatti pronti per la grande distribuzione. Così la trattativa in corso con Miglior Market srl per la cessione del 100% delle quote della società è stata abbandonata.

Dal 2016 GI è in vendita e sembrava fosse giunta ora la volta buona, ma l’operazione è saltata per l’opposizione dei sindacati che il 24 luglio hanno scioperato contro l’ipotesi della cessione. Infatti, secondo la Flai-Cgil, l’acquirente non dava garanzie sull’occupazione, mettendo a rischio almeno 15 occupati sui 66 totali.

“La trattativa in corso con la società Miglior Market srl per la cessione del 100% delle quote della società Gastronomia Italiana srl si è conclusa in maniera non positiva”, spiega una nota del gruppo. “Allo stesso tempo Camst conferma la propria volontà di un confronto aperto e costruttivo con le Istituzioni e le parti sociali” reca un comunicato di Camst.