I migliori ristoratori italiani all’estero

Emanuele Pollini del “Ovo by Carlo Cracco” di Mosca è il miglior chef italiano all’estero. Tèrra a Copenaghen, dei giovani Valerio Serino e Lucia De Luca, è il Ristorante Emergente. La Pizzeria dell’Anno è “Futura” a Berlino, progetto del pizzaiolo Alessandro Leonardi e del cantante dei Planet Funk Alex Uhlmann.

Sono questi i risultati della guida Top Italian Restaurants di Gambero Rosso, presentata a Roma.

Top Italian Restaurants, sottolinea Paolo Cuccia, presidente di Gambero Rosso. ”è in linea con la nostra mission strategica di attrarre l’attenzione di appassionati e gourmet di tutto il mondo sugli ambasciatori del gusto italiano. Ci è sembrata quindi naturale la scelta di pubblicarla sin dalla prima edizione esclusivamente online e in lingua inglese, per renderla fruibile ad un pubblico internazionale più vasto possibile”.’Questa guida digitale – spiega il curatore del Gambero Rosso, Lorenzo Ruggeri – ha selezionato non solo i migliori chef, ma anche quei luoghi della ristorazione che utilizzano prodotti Made in Italy, vere ambasciate del gusto e della promozione del nostro Paese nel mondo”.

Sempre a Roma il 2 dicembre sarà presentata la guida online 50 Top Italy che premia Passerini a Parigi come il miglior ristorante italiano nel mondo. Sul podio Don Alfonso 1890, a Toronto, e Heinz Beck, a Tokyo. La top 50 vede primeggiare l’Europa, con 18 insegne, seguita dal Nord America, a 16, (14 negli Stati Uniti e 2 in Canada) e dall’Asia, a 10.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!