Assica: per le carni rafforzare la filiera

“Allarme rosso: a rischio il settore delle carni e dei salumi. Che fare?”.
Sotto questo slogan l’ASSICA, ha chiamato a raccolta a Milano imprenditori e istituzioni per fare il punto sulla situazione del comparto. 
“La filiera deve essere più forte. Farlo in situazioni di difficoltà è indispensabile. Dobbiamo trasformare le criticità in opportunità. Trasparenza, filiera e futuro: queste sono le parole chiave.” – ha detto il Ministro Teresa Bellanova nel suo intervento. “Veniamo da un passaggio complicato ma abbiamo gli anticorpi: controlli che funzionano e un patrimonio Dop e Igp che va protetto e promosso. I nuovi disciplinari daranno un contributo importante, in questo senso. Abbiamo predisposto un decreto per l’origine dei suini in etichetta, oltre a un fondo suinicolo. Quanto alla filiera: sappiamo che il costo della materia prima è alto, ma pochi mesi fa parlavamo di tutela degli allevamenti. Il fondo nazionale serve a questo. È un eredità del fondo emergenza. Si chiama continuità amministrativa. Investiremo 1,5 milioni di euro per una forte campagna di comunicazione sui salumi, coinvolgendo la distribuzione e dedicando un mese a Dop Igp e alle specialità dei territori. Dovremo far conoscere le tante specialità e combattere le fake news, consapevoli degli sforzi verso la sostenibilità e il benessere animale. Dobbiamo poi vietare le aste e riflettere sul sottocosto. Non fa bene vendere al prezzo inferiore a quello di produzione. Si scaricano i costi su altri anelli della filiera. L’obiettivo è garantire il futuro alla filiera. Se oggi siamo in difficoltà è per problemi mondiali. Per questo lavoreremo con il ministero degli Esteri per promuovere e tutelare i prodotti italiani. Sappiamo che ognuno di noi deve lavorare per un patto di filiera, per questo a breve convocheremo un tavolo a Roma. Abbiamo bisogno di programmare interventi per i prossimi anni. Le aziende di trasformazione devono poter superare questa fase, così da avere rapporti sereni con gli altri attori della filiera. Il mio impegno sarà massimo”.

Dell’esigenza di rafforzare la filiera ha parlato Simona Caselli, assessore all’Agricoltura dell’Emilia Romagna,”La filiera si deve legare. La frammentazione è eccessiva a tutti i livelli, dall’allevamento alla trasformazione. Il settore deve unirsi. Se perdiamo questo momento, non so come andrà a finire. Il ministero sta mettendo soldi sulla trasparenza nella macellazione. Questo è fondamentale anche per gli altri anelli. La filiera non si è mai integrata perché non ci si fida l’uno dell’altro. Ma ora non abbiamo più tempo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!