Valfrutta e Istituto Oncologico Romagnolo insieme per l’educazione alimentare

Valfrutta e Istituto Oncologico Romagnolo (IOR) realtà impegnata sin dal 1992 nelle campagne di prevenzione dalle patologie oncologiche e nell’assistenza ai pazienti e ai loro familiari hanno sottyoscritto un accordo di collaborazione teso a promuovere stili di vita corretti e salutari attraverso campagne di educazione alimentare rivolte soprattutto ai bambini e agli adolescenti.

Protagonista della rinnovata collaborazione tra Valfrutta e IOR è la Casa della Prevenzione, il nuovo centro di eccellenza che sarà ricavato nell’ex complesso scolastico di San Cristoforo di Cesena (FC), dove verranno erogati servizi di medicina integrativa e saranno svolti i programmi di prevenzione ed educazione per i giovani del territorio.

È con orgoglio e soddisfazione che rinnoviamo il sostegno allo IOR – commenta Maurizio Gardinipresidente del consorzio cooperativo Conserve Italia che detiene il marchio Valfrutta – consapevoli della grande responsabilità che abbiamo nell’educare le giovani generazioni ad un’alimentazione corretta e sana. IOR e Valfrutta sono espressione della migliore cooperazione italiana, due eccellenze talmente radicate e riconosciute in Romagna da potersi identificare con questo territorio del quale rappresentano la parte migliore. Insieme condividiamo valori quali la solidarietà, il rispetto per la natura e l’attenzione alla salute e al benessere delle persone”.

La Casa della Prevenzione di Cesena, i cui lavori sono iniziati nelle settimane scorse, sarà pronta per l’estate 2020 così da poter accogliere nei suoi locali rinnovati gli studenti di tutta la Romagna sin dal prossimo settembre. All’interno di questa struttura, che ha visto l’importante sostegno di Conserve Italia per la sua realizzazione, Valfrutta sarà il partner di riferimento per le iniziative promosse dallo IOR.

Grazie al grande lavoro di biologhe e psicologhe dedicate, lo IOR coinvolge ogni anno nei suoi progetti di sensibilizzazione a stili di vita salutari che riducano il rischio di sviluppare dipendenze e neoplasie circa 75 istituti, per un totale di 14.000 studenti – sottolinea Fabrizio Miserocchi, direttore generale IOR – tuttavia finora erano proprio le nostre professioniste della prevenzione a recarsi presso le varie scuole: l’idea è che da giugno 2020, data in cui abbiamo intenzione di tagliare ufficialmente il nastro della struttura, siano le scuole a venire da noi in spazi adeguati e pensati per portare avanti al meglio questi importanti programmi. Il nostro ringraziamento va quindi agli amici di Conserve Italia, che sono da anni al nostro fianco e che hanno confermato il loro prezioso supporto in questo progetto ambizioso per rendere la Romagna una terra sempre più improntata al benessere”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!