Incendio distrugge centro Eurovo in Romagna

Lo stabilimento Eurovo dopo l’incendio

Un grave incendio è divampato sabato, intorno alle 22.30, nello stabilimento Eurovo di Sant’Agata sul Salterno. I danni causati dalle fiamme sono stati ingentissimi, anche se ancora da quantificare  ma fortunatamente i dipendenti, in servizio quella notte, si trovavano nell’edificio adiacente a quello colpito dall’incendio.
Le fiamme, partite inizialmente dal retro della struttura dove si trovavano imballaggi, carta e cartone – che hanno così alimentato l’incendio – si sono estese fino allo stabile. L’allarme è stato dato immediatamente da alcuni dipendenti e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Lugo, che vista l’estensione dell’incendio, hanno chiesto rinforzi ai colleghi di Ravenna, Faenza, Imola e Bologna. Per sedare le fiamme è stata utilizzata anche un’autobotte da ben 25mila litri proveniente da Bologna.
A causa dell’eccessivo calore, è crollato anche il tetto del capannone e una densa coltre di fumo ha invaso tutto lo stabile, subito evacuato.
L’ipotesi più accreditata sui motivi dell’incendio e avanzata dai tecnici dei vigili del fuoco insieme ai carabinieri di Lugo durante il sopralluogo, è quella accidentale: pare infatti che le fiamme siano partite dalla zona retrostante allo stabilimento dove si trovavano i frigoriferi.
L’attività del centro imballaggi di Eurovo- è stata fermata e i dipendenti saranno temporaneamente ricollocati in altre sedi, in attesa che l’area colpita dalle fiamme, venga bonificata.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *