Nuovi investimenti Deco per il 2018

Giorgio Dal Prato

Tempo di consuntivi per Deco Industrie il player romagnolo dell’alimentare e della detergenza. L’assemblea di fine anno dei soci ha permesso di fare le previsioni sull’andamento del 2017 che dovrebbe mostrare un fatturato in crescita rispetto i 150 milioni di euro del 2016. Un crescita determinata da entrambi i comparti operativi e trasversale sia sui prodotti realizzati con marchi propri che sui prodotti fatti per conto terzi.
Il direttore generale Giorgio Dal Prato ha annunciato una serie di investimenti a breve: “per il 2018 è prevista la realizzazione di nuove linee produttive, sia nello stabilimento di Forlì dove sono già stati installati nel corso del 2017 nuovi forni di cottura della piadina, per gestire l’incremento di produzione, sia in quello di San Michele. A settembre sono iniziati i lavori di ampliamento dello stabilimento di San Michele – ha confermato Dal Prato –  si tratta di una nuova linea semi industriale in grado di gestire piccoli quantitativi di produzione, utilizzando forni particolari, detti Rotor, anziché quelli attuali a “Tunnel”. La particolarità di questo nuovo stabilimento sarà anche quella di garantire una maggiore flessibilità nei cambi di produzione. Nello stabilimento saranno prodotti snack dolci e salati e nuove tipologie di biscotti destinati ad un mercato diverso da quello che abbiamo gestito ad oggi”.
Dal Prato ha anche segnalato il significativo incremento dei volumi produttivi presso lo stabilimento di Bagnacavallo nel Ravennate, guidato dallo sviluppo di nuovi prodotti e dall’acquisizione di nuovi clienti. Per fare fronte a questa crescita anche nello stabilimento di Bagnacavallo verrà installata a fine di dicembre una nuova linea produttiva. Si tratta- ha detto – di una strategia in sinergia con l’attività di packaging imolese dove è già attiva una linea come questa dedicata però alla realizzazione di produzioni di scala minore.
Le novità di prodotto e le strategie di comunicazione sono state invece illustrate da Luca Cucciniello, direttore Marketing, che ha evidenziato la crescita delle quote di mercato della piadina a marchio Loriana, i nuovi biscotti casarecci di filiera corta lanciati con il marchio Saltari e le numerose innovazioni di prodotto sviluppate per i marchi della detergenza Scala e Casa Chiara. Ma tra le novità, indubbiamente il lancio del panettone “Giorgione” ha registrato eccellenti risultati: “si tratta di un panettone e pandoro con grano 100% italiano – un prodotto ha detto Cucciniello– che Deco Industrie ha lanciato prima di Natale, raccogliendo la sfida di produrre un panettone con una varietà di grano coltivato raccolto e macinato in Italia. Un prodotto di filiera controllato non solo per la qualità del grano ma per tutti gli altri componenti, come uova e zucchero. Questo progetto ha richiesto molto impegno e lavoro per selezionare il grano curata dal SIS di Bologna, un grano pregiato con le caratteristiche qualitative dei migliori frumenti. I nuovi pandori e panettoni sono stati prodotti nello stabilimento di San Michele e sono stati confezionati a mano individualmente, con un esclusivo incarto che li impreziosisce ulteriormente, come si conviene ad un prodotto artigianale di primissima qualità”.