Ue 2018: produzione sostenuta per latte e formaggi

Il mercato del latte e dei prodotti lattiero-caseari nell’Unione Europea sarà caratterizzato, nella prima metà del 2018, da un’offerta di latte in aumento con conseguente crescita costante della produzione di derivati.
E’ quanto prevede Erhard Richarts, Consulente del mercato lattiero-caseario e Presidente di IFE.
Come negli anni scorsi, il latte supplementare in UE sarà destinato principalmente alla maggior produzione di formaggio e di polvere di latte intero (WMP), assorbendo la maggior parte del latte crudo, compresa la maggior parte dei volumi aggiuntivi.
Anche la produzione di burro e polvere di latte scremato (SMP) crescerà nella prima metà del 2018.
La produzione al di fuori dell’UE continuerà ad aumentare, ma non così velocemente come in Europa.
La domanda interna nell’UE continuerà a crescere a tassi modesti, che in termini assoluti richiederanno gran parte dei volumi supplementari di latte.
La domanda di esportazioni rimarrà forte, anche perchè i prezzi delle materie prime saranno più vicini ai livelli internazionali rispetto a quelli del 2017.
I prezzi del burro mostreranno fluttuazioni moderate rispetto al 2017, ma continueranno a muoversi significativamente al di sopra del livello di intervento.
I prezzi del formaggio saranno inferiori nella prima metà del 2018.
I prezzi europei di SMP e altri prodotti lattiero-caseari magri saranno i più bassi dell’ultimo decennio e continueranno ad essere molto vicini al livello internazionale.
I valori del grasso del latte sostengono i prezzi del latte alla stalla,.
Tale situazione determina che grandi scorte di SMP stanno opprimendo i mercati e non lasciano spazio per una ripresa sostenibile dei prezzi dei prodotti scremati.