Lavazza conquista il caffè di Mars e cresce negli Usa

Lavazza si rafforza sul mercato statunitense grazie all’acquisizione dell’asset del caffè di Mars.  L’operazione, valutata 650 milioni di dollari, potenzia l’azienda piemontese soprattutto nei settori office e vending e che nel 2017 ha realizzato un fatturato di 350 milioni di dollari con circa 900 addetti.
L’operazione porta in dote all’azienda italiana anche due stabilimenti di produzione negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.
Inoltre il passaggio di proprietà include il parco macchine singleserve a marchio Flavia e il business dei distributori automatici freestanding Klix, due brand, questi ultimi, leader nei segmenti Ocs (macchine da caffè per ufficio) e Vending (distributori automatici di caffè e altre bevande).
Lavazza rafforza così la presenza nel segmento del fuori casa  e il processo di internazionalizzazione in atto già da qualche anno. Nel 2016 il gruppo torinese aveva rilevato la francese Carte Noire, ESP sempre in Francia, Merrild in Danimarca e Kicking Horse Coffee in Canada.
Oggi Lavazza conta ricavi per 2 miliardi di euro, circa 3mila addetti e un export che ha raggiunto il 63% della produzione. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *