Per Patfrut nel 2018 92 milioni di fatturato

Nel corso del 2018 la Patfrut di Ferrara– aderente alle Organizzazioni di produttori Apo Conerpo ed Agripat, a Conserve Italia, Confcooperative e Legacoop – ha commercializzato 65.000 tonnellate di ortaggi freschi, 35.000 tonnellate di frutta fresca e 30.000 tonnellate di orticole da industria, sviluppando un fatturato complessivo di 92 milioni di euro, in aumento del 43% rispetto all’anno precedente.

In crescita anche le liquidazioni, che hanno raggiunto i 27,5 milioni di euro (+15%).

Il patrimonio netto della cooperativa è passato da 16,9 a 22,5 milioni.

“Risultati decisamente positivi – commenta il presidente Roberto Cera – che confermano ancora una volta il grande dinamismo e l’efficienza della nostra cooperativa, da sempre impegnata a valorizzare al meglio la produzione dei soci e difendere così il loro reddito”. “Una mission – ha proseguito Cera – che si realizza attraverso azioni concrete come l’adesione ad Opera, la società costituita nel 2014 per garantire il massimo valore aggiunto ai soci produttori”.

In questi primi 4 anni di attività, Opera ha consolidato la presenza e la credibilità commerciale nei confronti dei clienti nazionali ed internazionali, rafforzando la propria notorietà presso il consumatore. Grazie a questo progetto di aggregazione, nel 2018 le quotazioni delle pere Abate sono risultate di 15 centesimi al chilo superiori rispetto a quelle ottenute nel 2014, prima della nascita di Opera, a parità di produzione.

“Per quanto concerne le orticole, – ha ricordato Cera – nel 2018 Patfrut ha lavorato 47.000 tonnellate di patate, ottenendo il risultato migliore degli ultimi dieci anni ed una liquidazione media di quasi 33 centesimi al chilo per il prodotto di prima qualità. Decisamente positivo anche l’andamento delle cipolle, che hanno registrato una PLV superiore ai 10.000 euro ad ettaro per le gialle ed ai 15.000 euro per le bianche e le rosse; le liquidazioni delle 18.000 tonnellate lavorate dalla cooperativa hanno raggiunto valori più che doppi rispetto a quelli dell’annata precedente”.

“Sotto il profilo gestionale – ha sottolineato il presidente – la Patfrut ha vissuto un anno ricco di iniziative a cominciare dall’acquisizione dello stabilimento di Medicina (Bo), con un investimento di circa 10,5 milioni, che ha consentito di rafforzare il progetto industriale su patate e cipolle nell’area bolognese e ferrarese per diventare la realtà italiana più importante del settore, al servizio dei produttori del territorio. La nostra cooperativa è stata poi ammessa al PSR della Regione Emilia Romagna messo a punto da Opera nel quale ha inserito l’investimento collegato all’acquisto della linea di lavorazione delle pere a calibratura in sospensione in acqua con analisi automatizzata della morfologia del frutto mediante diaframmi ottici. Installato nello stabilimento di Monestirolo (Fe), è il primo esemplare di questa moderna tecnologia adottato in Italia e in Europa; l’investimento, permetterà un risparmio di circa il 30% dei costi di lavorazione. In estate è stato poi realizzato l’adeguamento del magazzino di Monestirolo alle più recenti normative sulla sicurezza”.

Andamento positivo anche per i principali indicatori finanziari della cooperativa, quali il rapporto fra indebitamento netto e patrimonio netto passato da 2 a 1.7, gli indici sulla struttura dei finanziamenti (3,45 il quoziente di indebitamento complessivo; 2,16 il quoziente di indebitamento finanziario), in linea con l’esercizio precedente, e l’indicatore di solvibilità (0,89 il quoziente di disponibilità; 0,77 il quoziente di tesoreria), in lieve miglioramento in virtù della liquidità prodotta dalla vendita dei magazzini di Jolanda di Savoia e Fiscaglia.