Beyond Meat, hamburger vegetali, crolla in Borsa

Crolla in Borsa il titolo di Beyond Meat, l’azienda specializzata nella produzione di finti hamburger a base vegetale. Partito all’Ipo da 25 dollari aveva raggiunto ilpicco dei 250. ma venerdì è crollato a 75. Insomma la bolla sembra essersi sgonfiata, considerato che gli ottimi risultati del business registrati anche dall’ultima trimestrale non sono serviti a far invertire il trend negativo del titolo.  

Nell’ultima trimestrale, chiusa il 28 settembre, Beyond Meat ha realizzato per la prima volta un utile netto pari a di 4,1 milioni di dollari. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno i ricavi netti di Beyond Meat sono aumentati del 250%, attestandosi a 92 milioni di dollari. Nei primi nove mesi i ricavi netti sono stati pari a circa 200 milioni e la società stima che i ricavi netti previsti per il 2019 aumenteranno da 265 milioni di dollari a 275 milioni.

Secondo Rogier van Vlissingen, analista del sito specializzato Seeking Alpha, “Beyond Meat offre una soluzione per i problemi ambientali e di benessere degli animali, ma la sua debolezza è che il prodotto non è molto più salutare della carne a causa del suo alto contenuto di grassi, nonostante l’assenza di colesterolo. In breve, ritengo che la società sia in una morsa tra queste due tendenze a lungo termine e probabilmente sia più un veicolo commerciale che un investimento fino a quando non sarà possibile ottenere una lettura più solida sulla sostenibilità della sua posizione di mercato. Potrebbe ritagliarsi una nicchia per sé, ma il picco iniziale non era fondato e la cautela dovrebbe guidarci a lungo termine”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code