In forte e costante crescita l’offerta di alimenti bio

Negli ultimi dieci anni (da agosto 2009 a luglio 2019) l’offerta mondiale di alimenti biologici è aumentata del 10%.
Secondo una ricerca della società britannica di indagini di mercato Mintel l’Europa è al primo posto per l’innovazione nel settore, con quasi un quinto delle novità proposte sul mercato che riportano un claim riferito al biologico. Nell’ultimo decennio il loro numero è aumentato dal 9% al 17%, soddisfacendo la richiesta europea di prodotti biologici, dove i principali innovatori sono oggi Francia (che rappresenta il 22% di tutti i lanci bio in Europa tra agosto 2018 e luglio 2019), Germania (20%) e Spagna (9%).

Ma anche il Nord America ha registrato un notevole aumento dei novità di questo tipo, con una quota passata dal 9% nel 2009 al 15% nel 2019 nello stesso periodo. Mentre la disponibilità di alimenti e bevande biologici in Asia Pacifico, America Latina, Medio Oriente e Africa è leggermente aumentata, meno di uno su venti (4%) tra i lanci proposti sul mercato nel decennio presentava un riferimento al biologico in ciascuna di queste regioni, in aumento dal 3% in Asia Pacifico e America Latina e dal 2% in Medio Oriente e Africa di dieci anni fa.

La ricerca di Mintel mostra che in Europa il numero di lanci di alimenti e bevande biologici con claim tipo “adatto a” (“senza”) ha registrato una crescita impressionante negli ultimi dieci anni, passando dal 20% al 43% tra l’agosto 2009 e il luglio 2019. Anche elementi di tipo etico hanno sperimentato un aumento simile nello stesso periodo. Mentre il 23% di tutti i lanci di alimenti e bevande biologici in Europa si è posizionato fra i prodotti “etici” e “ecologici” dieci anni fa, la percentuale è cresciuta al 41% nell’anno terminato lo scorso luglio.

La ricerca ha anche rilevato che tra i consumatori in Francia, Germania, Italia, Spagna e Polonia i Millennials (25-34 anni) e le Z Gen (16-24 anni) hanno maggiori probabilità di acquistare alimenti e bevande biologici. Fra questi cinque Paesi, è molto probabile che i Millennials italiani (87%) acquistino cibi e bevande biologici, seguiti dalle loro controparti tedesca (86%), spagnola (85%) e francese (81%). In Polonia, è la Gen Z ad essere maggiormente interessata ai cibi e alle bevande biologici, con l’83% che afferma di acquistarli, rispetto all’80% dei Millennial polacchi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *