Giornata contro lo spreco alimentare: Camst e Confagricoltura parti attive

Oggi mercoledì 5 febbraio è la Giornata nazionale di prevenzione dello lo spreco alimentare promossa dalla campagna Spreco Zero con il patrocinio dei Ministeri dell’Ambiente, della Salute e degli Affari Esteri. Istituzioni e aziende promuovono varie azioni tese all’ìorienataneto contro o spreco alimentare e al recupero elle eccedenze. Traqueste anche la Camst, azienda italiana del settore della ristorazione e dei facility services il cui presidente Francesco Malaguti interverrà all’evento “Orizzonte spreco zero. Dalla salute all’ambiente” a Roma, dopo aver già presentato a New York alle Nazioni Unite i progetti di sostenibilità avviati dall’azienda.

“Da azienda di ristorazione che produce 130 milioni di pasti all’anno – dichiara Malaguti –  sentiamo una forte responsabilità nella lotta contro gli sprechi alimentari. Per questo è fondamentale per noi lavorare quotidianamente per ridurli e condividere il più possibile le buone pratiche: solo facendo rete possiamo davvero avvicinarci sempre più allo spreco zero”.

Sin dal 2006 Camst collabora con organizzazioni e associazioni in tutta Italia che aiutano a recuperare cibo per ridurre al minimo gli sprechi. Tra queste c’è Last Minute Market, realtà nata per affiancare le aziende della GDO nel recupero delle eccedenze alimentari, permettendo di ridurre costi e impatti di smaltimento e sostenendo al tempo stesso le fasce più deboli.

Dai dati di Camst, che gestisce mense in tutta Italia tra cui quelle scolastiche, emerge che una parte del pasto cucinato per ciascun alunno rimane ogni giorno nel piatto, diventando spreco. Per questo sono stati avviati percorsi formativi rivolti alle nuove generazioni all’interno delle classi. Tra queste iniziative ha particolare rilievo la “Io non spreco!” Bag: un packaging specifico con cui i piccoli fruitori della mensa possano recuperare alcune tipologie di cibo, pane e frutta. Nel 2018 sono state pensate, realizzate e distribuite ai ragazzi delle scuole oltre 16.000 bag salva cibo.

Grazie alle tante iniziative, nel 2018 sono stati recuperati oltre 22 mila kg di eccedenze alimentari fra pane, primi, secondi, contorni e frutta. Tutti questi alimenti da potenziale spreco sono potuti diventare un dono per le persone meno fortunate raggiunte dalla Onlus italiana che opera su tutto il territorio nazionale da nord a sud. A queste si aggiunge il recupero delle materie prime prossime alla scadenza recuperate dal Centro Distributivo pari a oltre 27 mila kg.

Recentemente l’azienda ha anche aderito al network Too Good to Go, che tramite un’app permette ai ristoranti di vendere a prezzi contenuti confezioni di cibo rimasto invenduto a fine giornata. Queste “Magic box” alimentari permettono di ridurre gli sprechi dei due ristoranti di Camst che per ora hanno aderito all’iniziativa.

In occasione della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare, Confagricoltura richiama l’attenzione su questo tema di grande attualità. Cresce la consapevolezza degli italiani rispetto alle questioni ambientali e al rapporto col consumo di cibo, consapevolezza grazie alla quale per la prima volta si registra nel 2019 una diminuzione dello spreco del cibo domestico: il 25% in meno rispetto all’anno precedente, con un risparmio di 1,5 miliardi di euro (secondo i dati del rapporto Waste Watcher 2020 di Last Minute Market/Swg).

Si tratta di un importante passo avanti, afferma Confagricoltura, che non deve però fare abbassare la guardia su un fenomeno che resta comunque ancora diffuso. Lo spreco domestico è diminuito, ma non eliminato. E il fenomeno non riguarda solo il consumo domestico, ma l’intera filiera agroalimentare, lungo la quale ci sono ancora molte, troppe dispersioni.

Circa il 14% degli sprechi avviene infatti prima che i prodotti alimentari raggiungano il livello di vendita al dettaglio, nella fase successiva alla raccolta; il 20% va perduto nelle fasi di trasformazione (fonte: Annuario dell’agricoltura italiana 2018 – CREA).

Nel complesso il cibo sprecato è quattro volte superiore alla quantità necessaria a sfamare 820 milioni di persone che in tutto il mondo soffrono la fame (dati FAO 2019).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code