Nannetti (Cevico): il nostro vino ora soprattutto alla Gdo

Gli effetti della crisi si fanno sentire su tutto il comparto del vino. Naturalmente ci possono essere delle diversità a seconda delle aziende e dei segmenti di mercato. Noi adesso stiamo tenendo grazie alla Gdo che ci consente di proseguire le vendite e di dare una certa continuità alla nostra produzione, mentre registriamo praticamente uno stop per quanto riguarda le vendite al segmento dell’horeca”. 

Con Marco Nannetti, presidente del colosso vinicolo cooperativo Cevico, facciamo il punto sullo stato del comparto vitivinicolo in piena emergenza Covid-19.

Il Cevico esporta in circa 60 Paesi in tutto il mondo. Come siamo messi su questo fronte?

Dipende. Registriamo una flessione in alcuni Paesi mentre in altri il trend prosegue quasi normalmente”.

Come vede la sospensione del Vinitaly per quest’anno?

È un grande dispiacere saltare questa edizione, perché per noi rappresentava un momento fondamentale per lanciare nuovi progetti, incontrare clienti da tutto il mondo, fare degustazioni. Sono momenti di rapporti diretti, di relazioni umane oltre che commerciali. La scelta di rinviare l’edizione di quest’anno però è pienamente comprensibile e responsabile in quanto non vi erano le condizioni per andare avanti nel programmare una manifestazione di così elevata presenza di operatori internazionali che non ci sarebbero stati. Ritengo però fondamentale iniziare a programmare Vinitaly 2021 già dal prossimo autunno con attività promozionali del vino italiano sui mercati internazionali”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code