Per Valsoia ricavi in aumento nel primo trimestre 2020

Il Consiglio di Amministrazione di Valsoia ha approvato l’Informativa periodica aggiuntiva al 31 marzo 2020. Nel primo trimestre 2020 la Società ha registrato Ricavi di vendita per 17,85 milioni di euro rispetto ai €15,60 milioni del pari periodo 2019. L’incremento è pari a €2,25 milioni (+14,4%) rispetto all’esercizio precedente.

Già nel corso dei primi due mesi dell’anno in corso i ricavi hanno evidenziato un andamento positivo, proseguito poi anche a marzo sia pure nell’ambito delle difficoltà correlate alla emergenza sanitaria COVID 19.

L’incremento dei Ricavi registrato nel primo trimestre ha visto in particolare la crescita della marca “Valsoia Bontà e Salute” e l’incremento di tutta la Divisione food, con particolare rilievo per le confetture Santa Rosa. Elevata la crescita delle Quote di mercato relative alle Marche della Società in tutti i segmenti presidiati, sia food che salutistico.

Particolarmente significativa nel mercato della salute, durante il mese di marzo, la decisa preferenza accordata alla marca “Valsoia Bontà e Salute” che ha registrato un forte sviluppo dei consumi e delle Quote a discapito dei follower non specialisti.

In forte crescita anche le vendite all’estero che registrano nel trimestre ricavi in crescita del +58% verso il pari periodo dell’esercizio precedente. 

La Posizione Finanziaria Netta, in data 31 marzo 2020, risulta positiva per €25,1 milioni, in linea con il dato al 31 dicembre 2019 ed in notevole crescita (+16,2%) rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente (€21,6 milioni al 31 marzo 2019).Al netto dell’effetto dell’applicazione dell’IFRS16, la PFN appare ulteriormente migliorativa e pari a €27,3 milioni al 31 marzo 2020 verso i 22,6 milioni del pari periodo esercizio precedente (+20,8%).

Il Presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi ha così commentato: “Esprimo soddisfazione per essere riusciti in momenti così drammatici a difendere la salute e la sicurezza dei nostri collaboratori garantendo la continuità produttiva e distributiva. Abbiamo così potuto migliorare significativamente le vendite all’estero ed accrescere le quote di mercato in Italia”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code