Rischio dazi per l’export di vino negli Stati Uniti

Si avvicina, con la chiusura della consultazione pubblica indetta dall’Ustr (United States Trade Rapresentative), il nuovo giro di giostra di dazi Usa sulle importazioni europee, previsti per metà agosto nell’ambito del contenzioso Boeing-Airbus che tanto pesa sull’agroalimentare made in Italy.

Fino ad ora, tuttavia, la “mannaia” delle gabelle americane ha colpito l’Italia principalmente sul fronte dei formaggi e degli spirits, gli alcolici. “Un eventuale dazio sulle esportazioni di vini fermi italiani andrebbe a colpire soprattutto quelli di fascia alta, già fortemente penalizzati dalla chiusura dell’Horeca in gran parte degli Usa, il principale canale di vendita dei nostri fine wines “, afferma Denis Pantini, Responsabile Nomisma Wine Monitor, sulla base di un’analisi delle esportazioni di vini fermi francesi che sul mercato americano da novembre 2019 a marzo 2020 hanno subito un calo nelle esportazioni del 24% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Una riduzione che a volume è risultata più bassa (-14%) solo grazie ad un “downgrade” dei vini spediti: fino ad ottobre 2019 – primo mese di applicazione del dazio aggiuntivo del 25%- il prezzo medio all’export dei vini fermi francesi negli Usa si aggirava sopra gli 8,5 euro/litro, per poi toccare il minimo di 6 euro nel marzo di quest’anno. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code