Il Verdicchio di Matelica cambia denominazione

Da Verdicchio di Matelica a  Matelica Doc e Matelica Docg. Il vino marchigiano ha avviato l’iter per cambiare la propria denominazione.

Ad annunciarlo è Antonio Centocanti, presidente dell’Istituto Marchigiano Vini (Imt) e dell’Istituto marchigiano di enogastronomia (Ime) in occasione di una degustazione guidata del piccolo ma di fama internazionale bianco autoctono di Matelica (Macerata).

Quasi 270 ettari di vigneto in 8 Comuni “il Verdicchio di Matelica – ha detto Centocanti – vuole la sua identità. Vogliamo uscire dal vitigno per essere un territorio di eccellenza, con una gamma completa di proposte, dallo spumante al passito, e soprattutto una qualità media altissima, che fa del Verdicchio di Matelica Doc e Docg il vino bianco italiano a maggior tasso di riconoscimenti in rapporto alla superficie vitata. La produzione di Jesi – ha precisato – è otto-nove volte maggiore, ma nella categoria Riserva, il top, Matelica è la più venduta. Non vogliamo fare guerra di campanili ma rivendicare un brand, quest’anno scoperto dagli enoturisti italiani, nella convinzione che sia un grandissimo vino e che può essere di rilancio, anche grazie al ricambio generazionale in corso nelle Pmi di questo distretto enologico circoscritto, per un territorio dove l’economia del bianco, gli elettrodomestici, e in parte le carterie, sono in difficoltà”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code