Fiere: Comexposium (Sial) chiede il concordato

Comexposium, il terzo ente fieristico al mondo e organizzatore, tra l’altro, del Sial Sial, ha chiesto al Tribunale commerciale di Nanterre di avviare la procedura di concordato preventivo. La decisione è scaturita dalla della pandemia da Covid che  ha comportato il crollo del fatturato dai 440 milioni di euro del 2019 agli 80 milioni di quest’anno. 

Quella di Comexposium è stata una storia di successo fino alla fine di febbraio. Le banche facevano a gara per prestarci denaro. Ma, a partire da marzo, con l’impossibilità di creare assembramenti a causa dell’emergenza sanitaria, non abbiamo più potuto fare il nostro lavoro: organizzare fiere. Abbiamo passato il tempo a rimandare gli eventi, dall’Eruopa al Canada, dalla Cina all’Australia passando per l’iNdia e il Sud-Est asiatico”, commenta al quotidiano francese Les Echos Renaud Hamaide, presidente di Comexposium.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *