La Regione investe su filiere agroalimentari e ambiente

Finanziati 25 progetti di aziende e mondo della ricerca, riuniti nei Gruppi operativi per l’innovazione. L’assessore Mammi: “Emilia-Romagna leader in Italia e in Europa, con 204 Goi già attivi e 50 milioni di budget. 1 milione sui progetti innovativi che introducono tecniche plastic free” 

Un’agricoltura sempre più intelligente, che spinge su svolta green e digitale per produrre con un minore impatto sull’ambiente e vantaggi per le imprese. Il braccio per far arrivare sui campi le nuove idee della ricerca sono i Goi, i Gruppi operativi per l’innovazione ovvero le partnership tra aziende agricole, università e centri di ricerca. Complessivamente i Gruppi finanziati dal Programma di sviluppo rurale della Regione Emilia-Romagna sono 204, a cui si aggiungono i 51 progetti pilota di filiera.
A loro è rivolto l’ultimo bando varato nell’ambito della misura 16.1 del Programma regionale di sviluppo rurale (Psr) 2014-2020 che finanzia i progetti che puntano a migliorare la produttività e la sostenibilità dell’agricoltura.
La graduatoria, approvata dalla Regione, premia 25 progetti per un finanziamento complessivo di circa 5 milioni di euro a fronte di un importo richiesto iniziale di quasi 21 milioni di euro.
I progetti approvati sono così suddivisi: sette nel settore ortofrutticolo, vitivinicolo e altre produzioni vegetali, cinque nel suinicolo, avicolo, uova e altre produzioni animali, quattro nel lattiero caseario, quattro nel settore dei seminativi, sementiero oleoproteaginose, foraggere e infine cinque per la ricerca su nuovi materiali riciclabili e imballaggi plastic free.   

“Complessivamente- spiega l’assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi – l’investimento della Regione Emilia-Romagna per i Goi è di oltre 50 milioni di euro: il 4,6% della spesa totale del Programma di sviluppo rurale, ben al di sopra della media italiana delle Regioni ferma all’1,7%. Si tratta di interventi mirati per rafforzare la competitività dei produttori, l’adattamento ai cambiamenti climatici delle produzioni, l’agricoltura sostenibile e lo sviluppo di servizi di filiera e logistica, tecniche innovative plastic free fino alla robotica per l’agricoltura, anticipando temi che saranno presenti nella prossima programmazione comunitaria”. /OC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *