L’export agroalimentare aumentato dell’1,9% nel 2020

Crescono le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy che, con un aumento dell’1,9% fanno segnare nel 2020 il massimo storico di sempre con un valore di 46,1 miliardi. E sono le regoni del Sud a registrare le performance migliori, con un aumento del 7,4%. Sono il Molise (+32,3%), la Basilicata (24,7%) e la Campania (13,1%) a far registrare le performance migliori, ma l’alimentare, in controtendenza al calo generale, aumenta in tutte le realtà territoriali dal Nord Ovest (+0,6%) al Nord Est (+1%)e, dal Centro (+1,7%) al Mezzogiorno (+7,4%). 

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi alle esportazioni. Un record ottenuto nonostante le difficoltà degli scambi commerciali e il lockdown in tutti i continenti della ristorazione che ha pesantemente colpito la cucina italiana ma anche favorito il ritorno in tutti continenti alla preparazione casalinga dei pasti con il boom delle ricette Made in Italy. Ad essere avvantaggiate sono state le esportazioni nazionali di conserve di pomodoro (+17%), pasta (+16%), olio di oliva (+5%) e frutta e verdura (+5%) che hanno raggiunto in valore il massimo di sempre. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *