TuttoFood con Host per la ripartenza del fuoricasa

Presentata l’edizione 2021 di TuttoFood che si terrà a fieramilano dal 22 al 26 ottobre prossimi in concomitanza con Host. Un evento che punta sulla ripresa del comprato del fuoricasa e al quale sono attesi circa 1.800 espositori da oltre 40 Paesi di tutto il mondo. Numerosi gli appuntamenti in programma che coinvolgeranno esperti ed associazioni di settore. 

Tra gli altri si segnala Retail Plaza, l’evento di riferimento per la GDO e Retail in partnership con Retail Institute Italy, che presenterà tra gli altri dei focus su Luxury & Curation, la crescita del Food Delivery e del Last Mile e i servizi sempre più personalizzati nel Retail omnicanale del futuro, fino alla sostenibilità e le evoluzioni digitali del marketing e della Grocery transformation, anche attraverso buone pratiche e conversazioni con i top manager.

“Con Tuttofood e Host, Fiera Milano ha l’opportunità di diventare “un hub non solo italiano, ma europeo di alcune filiere industriali”. Il neo amministratore delegato di Fiera Milano, Luca Palermo, ha presentato così le due manifestazioni. “Milano ha la capacità di attrarre filiere fondamentali del made in Italy e Tuttofood può diventare un ‘champion’ della filiera agroalimentare e attrarre visitatori, nazionali e internazionali. La sfida è quella di far sì che i nostri imprenditori vengano a Milano e vadano un po’ meno alle fiere estere perché qui trovano opportunità di internazionalizzazione”. 

I segnali, hanno sottolineato gli organizzatori, sono incoraggianti dopo 16 mesi di stop: a oggi circa 1.800 espositori che arriveranno da oltre 40 Paesi e, come ha sottolineato Simona Greco, responsabile dell’area exhibitions di Fiera Milano, “a bordo abbiamo già 700 compratori a cui abbiamo già prenotato volo e albergo e probabilmente triplicheranno di qui a ottobre”. Del resto le stime dell’ultimo Food industry monitor realizzato dall’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo, in collaborazione con Ceresio Investors, ci dicono che alimentare e food equipment faranno segnare una crescita di circa il 6% sia nel 2021 sia nel 2022. E segnali positivi arrivano anche dall’export, per il quale si prevede un incremento medio del 3% l’anno nel biennio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *