Italmopa: proccupa contrazione offerta mondiale grano duro

Le pesanti flessioni produttive previste in Canada e negli Stati Uniti, principali Paesi esportatori; i risultati al di sotto delle iniziali aspettative, sotto il profilo quantitativo, del raccolto comunitario, in generale, e italiano, in particolare;  un livello di scorte internazionali largamente insufficiente a compensare la riduzione  dei volumi di produzione costituiscono i tre principali, seppur non unici,  elementi di una ‘tempesta perfetta’ che potrebbe prossimamente verificarsi sul mercato internazionale del grano duro.

Questo è quanto evidenzia Italmopa Associazione Industriali Mugnai d’Italia, l’Associazione di categoria, aderente a Federalimentare e Confindustria, che rappresenta, in via esclusiva, l’Industria molitoria italiana.

“E’ una situazione i cui sviluppi appaiono ancora imprevedibili” dichiara Silvio Grassi, Presidente ItalmopaIl ridimensionamento globale dei volumi produttivi internazionali, che possiamo fin da ora confermare, ha già determinato, nelle ultime settimane, un violento incremento, superiore al 25%, delle quotazioni della materia prima che, peraltro, avevano già raggiunto livelli particolarmente elevati. Ulteriori e più precise valutazioni sulla dimensione del calo produttivo potranno tuttavia essere fatte solo nel corso delle prossime settimane, quando saranno concluse le operazioni di trebbiatura del grano duro nel Nord America”.

“In ogni modo” conclude Grassi “se gli attuali rumors concernenti la possibile riduzione del 40% dei raccolti canadesi e statunitensi dovessero malauguratamente trovare conferma, si potrebbe profilare, per l’Industria molitoria, uno scenario, inedito e inquietante, caratterizzato, oltre che da una spirale inflazionistica delle quotazioni, da una oggettiva difficoltà dei Molini ad approvvigionarsi, in modo continuativo, di  materia prima grano duro. Uno scenario chiamato ad influire molto pesantemente sull’Industria italiana della trasformazione del grano duro e, inevitabilmente, su tutta la filiera”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *