Riconoscimenti per il caseificio Il Fiorino al Great Taste Awards

Continua il momento d’oro de Il Fiorino che fa il pieno di riconoscimenti anche al Great Taste Awards, l’evento internazionale della storica organizzazione inglese Guild of Fine Food riservato ai migliori prodotti food e beverage del mondo. In quelli che potrebbero essere considerati gli ”Oscar” dei formaggi l’azienda maremmana guidata da Angela Fiorini e Simone Sargentoni ha conquistato 9 stelle: tre per il Cacio di Caterina, due per la Riserva del Fondatore, due per il Cacio di Afrodite, una per il Fior di Cardo, una per il Cacio di Venere. 

Il Premio. A selezionare cibi e bevande provenienti da tutto il mondo è una giuria di oltre 500 esperti, composta da chef, acquirenti, giornalisti, rivenditori. I lavori della giuria si svolgono per un periodo di 60 giorni durante i quali ogni prodotto viene degustato alla cieca. L’edizione 2021 ha visto oltre 10 mila prodotti tra food e drink. Di questi solo l’1,6 per cento, poco più di 200, hanno ottenuto tre stelle. Il Cacio di Caterina ha ottenuto il massimo risultato e la Riserva si conferma al top dei formaggi mondiali, ma anche le stelle del Cacio di Venere, di Afrodite e del Fior di Cardo hanno un grande valore, sia perché sono pecorini da poco lanciati sul mercato, sia perché in media, solo un prodotto su quattro riesce a ottenere l’ambito bollino di qualità del Great Taste.  

“La qualità della materia prima, latte altamente selezionato proveniente solo dai pascoli della Maremma, il lavoro di squadra e l’unicità della lavorazione – sottolinea Angela Fiorini – hanno fatto ancora una volta la differenza, convincendo la giuria a premiare Il Fiorino con i sigilli di eccellenza internazionale, quali sono le stelle assegnate dalla Guild of Fine Food”.

I formaggi premiati


Cacio di Caterina, tre stelle. 
Realizzato con il miglior latte dei pascoli di Maremma, viene stagionato affinato nella grotta naturale della famiglia Fiorini. L’odore è di media intensità con note di frutta fresca, il sapore intenso e prolungato, la struttura della pasta compatta, rigida e tendente al friabile. Nel palmares del Cacio di Caterina troviamo: nel 2019 la medaglia d’argento al World Cheese Awards (WCA) di Bergamo e il bronzo ai Mondiali di Tours, in Francia, mentre, nel 2017 conquista la medaglia d’argento al WCA di Londra.

Riserva del Fondatore, due stelle. È uno dei fiori all’occhiello della produzione de Il Fiorino, ottenuto da latte ovino altamente selezionato, prodotto con gli antichi metodi della tradizione e affinato in grotta. Tra i più importanti premi ottenuti ricordiamo: il 1° premio a “Le Mundial du Fromage” di Tours (2013); le due medaglie d’oro al WCA 2017 (Londra) il premio come Miglior formaggio italiano e quinto formaggio al mondo al WCA Bergen (2018), medaglia d’argento al Mondial du Fromage e des Produits Laitiers Tours (2019).

Cacio di Afrodite, due stelle. Entrato da poco nell’Olimpo dei formaggi de Il Fiorino, sta già riscuotendo un grande successo. È un formaggio ben equilibrato, piacevole, armonico, il sapore è mediamente intenso, con sentori di latte e frutta secca, evidente la dolcezza, un profumo lattico e di burro.

Cacio di Venere, una stella. Pecorino stagionato con latte biologico di Maremma e con tartufo bianchetto biologico toscano. Il gusto pieno del formaggio è rafforzato dalle speciali note del tartufo in un’armonia di sapori delicati e bilanciati. Il risultato è un gusto rotondo, intenso e bilanciato dove i sapori del formaggio si fondono armoniosamente con i profumi e l’aroma del tartufo. Il Cacio di Venere, lanciato nel 2020, è già un “classico” della produzione de Il Fiorino e, pochi giorni fa, ha ottenuto la medaglia d’oro a Le Mondial du fromage et des produits laitiers, Tours.

Fior di Cardo, una stella. È un pecorino della tradizione toscana prodotto con caglio vegetale, estratto dal cardo Cynara Cardunculus. La pasta è compatta e ben solubile, il sapore è rotondo ed equilibrato, l’odore mediamente intenso e persistente, lattico. Il caglio vegetale incide in maniera importante sul carattere del formaggio che, a livello di odori, sapori e profumi restituisce le note erbacee e animali tipiche dei pascoli della Maremma.

Simone Sargentoni, Angela Fiorini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *