Sugar e plastic tax rinviate al 2023

Nella manovra di bilancio approvata ieri sera dal Consiglio dei ministri è previsto il rinvio al 2023 della plastic tax e della sugar tax. Unanimi gli apprezzamenti del mondo agroalimentare.

“Il rinvio di plastic e sugar tax al 2023 fa tirare un sospiro di sollievo alle nostre imprese che sono in una fase di recupero dopo l’anno del covid – dice Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare – e per questo ringraziamo le istituzioni che ci hanno ascoltato e hanno recepito le nostre preoccupazioni in merito all’entrata in vigore di queste due tasse. Rimaniamo sempre dell’idea, però, che sugar e plastic tax siano due misure da abolire perché dannose per le aziende” 

“La filiera agroalimentare italiana può tirare un sospiro di sollievo” questo il commento di Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia “Avremmo preferito senza dubbio la cancellazione, ma in un momento tanto cruciale per il rilancio della nostra economia, la scelta di posticipare l’ingresso di nuovi balzelli che avrebbero avuto come unico obiettivo quello di zavorrare un settore sempre più cruciale per la ripresa, non può che essere una buona notizia” prosegue Scordamaglia. 

Per  il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini il rinvio “salva oltre 5mila posti di lavoro e 180 milioni di euro di fatturato con un pesante effetto valanga sull’intera filiera”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *