California Bakery cresce con nuovi locali di proprietà e in franchising

California Bakery, la catena made in Italy di cucina statunitense, sta attuando un piano di sviluppo che prevede di arrivare nei prossimi 12 mesi a 30 ristoranti di proprietà, dai 14 attuali, e 50 locali in franchising. Una crescita che dovrebbe consentire di realizzare un fatturato globale, fra franchising e ristoranti diretti, di 100 milioni di euro.

Per questo è stato lanciato il progetto “CB Franci”, che prevede la ricerca di partner  su scala nazionale, in grandi città, poli universitari e mete turistiche. Tre le alternative di format: , di cinquanta aspiranti gestori in franchising del format California Bakery. Tre i format previsti: locali tra i 100 e i 150 metri quadrati, tra i 150 e i 200 metri quadrati e infine la riconversione di attività già esistenti come bar ed enoteche.

Le strutture di CB Taste, proprietaria del brand California Bakery, e della Orlean Invest Holding garantiranno agli ispiranti franchisee un supporto logistico e formativo in termini di know-how e back office, oltre che offrire consulenza finanziaria. Il programma di concessione dell’uso del brand in licenza si rivolge a giovani manager, imprenditori e dipendenti.

Il piano di sviluppo presentato arriva dopo la riapertura dei locali nel post lockdown e soprattutto le quattro nuove aperture a Milano, in viale Piave, viale Beatrice D’Este, via Monti e via Torino a cui si aggiungeranno entro fine anno due nuovi store a Bologna e Padova. Tutti punti vendita che hanno concorso ai risultati in crescita di ottobre quando il fatturato è aumentato del 22% like for like e del 46% rispetto allo stesso mese di ottobre 2020, passando da 547mila a 798mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *