Starbucks in Italia non sfonda e, intanto, chiude due locali


Inizia da Milano la ritirata della campagna di’Italia di Starbucks? La catena di caffetterie Usa ha deciso di chiudere definitivamente due locali in città: quelli di Turati e Porta Romana. E anche se aperti i punti vendita di Cordusio, corso Vercelli, via Durini, via Restelli, Garibaldi (nella foto) e stazione Centrale, la decisione è significativa.

Le chiusure sembrano essere la conseguenza della difficile situazione in cui è venuta a trovarsi Starbucks Italy. La catena nel 2019 ha realizzato 11 milioni di ricavi, in calo addirittura del 44,28% (6,18 milioni) nel 2020 a causa della pandemia.

A Milano, Starbucks ha investito più di 50 milioni solo per l’apertura della torrefazione nel vecchio Palazzo delle Poste a Cordusio. In realtà dopo le lunghe code viste in occasione dell’apertura, passata la novità, l’entusiasmo per il caffè americano e il frapuccino si è presto spento e i milanesi hanno continuato a prediligere l’espresso di alta qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.