Federalimentare: con questi rpezzi vicini a punto di rottura

Un’inflazione che arriva al +4,8%, dopo il +3,9% di dicembre, livello che prima di oggi era stato raggiunto solo nel 1996, e prezzi al consumo in crescita con i prodotti freschi che sfiorano per la prima volta l’inflazione, salendo al +5,4%, dopo il +3,6% di dicembre, mentre i prodotti lavorati, quelli dell’industria alimentare, sono saliti dal +2,0% di dicembre al +2,4% di gennaio. 

“Numeri che ci indicano come per tutto il 2021 e anche in questo inizio 2022  – dice Vacondio, presidente di Federalimentare – le nostre industrie si siano sobbarcate tutti gli aumenti relativi alle materie prime e all’energia, svolgendo un ruolo calmieratore e dunque un grande servizio al consumatore, che ha visto sui nostri prodotti incrementi tutto sommato modesti”. 

Purtroppo, però, questi incrementi non accennano a fermarsi, tanto più che agli aumenti del 2021 si sono aggiunti quelli energetici. La spinta generale si lega infatti ai beni energetici saliti fino al +38,6% tendenziale di gennaio, dopo il +29,1% di dicembre. Gli energetici regolamentati, in particolare, sono arrivati quasi al raddoppio, con un +93,5% tendenziale, dopo il +41,9% di dicembre.

“Queste cifre sono allarmanti e l’industria alimentare è vicina a un punto di rottura. Nei prossimi mesi non riusciremo più a contenere l’inflazione dei nostri prodotti. Se non ci saranno interventi da parte del Governo e della Comunità Europea inevitabilmente il carrello della spesa aumenterà di molto” conclude Vacondio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *