Il Foodservice dolce attende il Sigep

C’è grande attesa da parte degli operatori per la prossima edizione del Sigep che, dopo uno stop di due anni, tornerà in  presenza a Rimini dal 12 al 16 marzo. Un appuntamento importante per l’intera filiera del foodservice dolce legata a gelateria, pasticceria, panificazione artigiane e al mondo del caffè.

Questo perchè, come dice Federico Tassi, CEO di Carpigiani Group, «Sigep è da sempre il punto di incontro per il settore da cui partono i progetti più importanti, si presentano le innovazioni più interessanti e c’è il massimo scambio tra artigiani e aziende della filiera. La nostra partecipazione è, dunque, convinta ed entusiasta. Noi crediamo nel settore, in quello che Sigep rappresenta e in quello che i suoi protagonisti possono generare lavorando insieme, anche in tempi complessi come quelli che viviamo. È per questo che abbiamo voluto presentare alcuni nuovi modelli dedicati al settore della pasticceria e del gelato soft e un’ampia panoramica sulle soluzioni ideate per la ristorazione. Non mancherà poi una forte attenzione verso i temi della connettività a bordo macchina e il risparmio energetico, quest’ultimo un tema di sicuro interesse per i gelatieri».

Attesa confermata anche da Gianni Babbi, Direttore marketing di Babbi: «Non vediamo l’ora di vivere il Sigep, vera vetrina e trampolino di lancio per la filiera del gelato. È un appuntamento a cui teniamo in modo particolare, tanto che stiamo aspettando marzo per presentare al mercato delle assolute novità per celebrare i nostri primi 70 anni di storia. Una vera e propria piazza di incontro animerà il nostro stand, dove il pubblico troverà idee, ricette, innovazioni e un grande omaggio alle nostre radici». Piazza come in un piccolo borgo, intitolata al fondatore Attilio: Babbi festeggerà così al Sigep il 70º anniversario d’impresa con una serie di “botteghe” dedicate, tra le altre, alla materia prima nobile del pistacchio, all’iconico “Waferino Romagna” che diventa gusto di gelato e ingrediente di pasticceria, intervallate da totem da cui scaricare gli “Ideari” con ricette a disposizione di tutti».

La rassegna riminese si conferma sempre più punto di riferimento anche, e soprattutto, per i maestri gelatieri. 

«Da oltre 40 anni – ricorda Claudio Pica, segretario generale dell’Associazione Italiana Gelatieri – Sigep rappresenta per noi gelatieri la vetrina mondiale del settore. L’edizione di marzo 2022 sarà un appuntamento irrinunciabile per ritrovarsi in presenza dopo due anni, toccare con mano le novità di prodotto e scoprire le nuove tendenze del dolce freddo più amato nel mondo. Come Associazione Italiana Gelatieri non vediamo l’ora di esserci. Saremo presenti con numerose iniziative, tra queste il concorso “Il Miglior Gelatiere dell’Anno”».

«Non esiste altra fiera al mondo – conferma Giancarlo Timballo, Presidente della Coppa del Mondo della Gelateria – altrettanto grande e importante per il settore gelato come Sigep. Il gelatiere è un artigiano che ha bisogno di formazione continua, e Sigep è un’occasione di crescita e di condivisione, attraverso lo scambio di stimoli con gli altri colleghi, la nascita di nuovi rapporti professionali con altri gelatieri o con pasticcieri, la scoperta di nuove proposte delle aziende o di ispirazioni per creare qualcosa di nuovo dal punto di vista nutrizionale, oltre che ludico e decorativo. Rispetto ai cuochi o ai pasticcieri, noi gelatieri non abbiamo scuole professionali specifiche. Anche per questo Sigep rappresenta un importante momento di crescita professionale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.