Il lattiero caseario cardine della cooperazione agroalimentare

Il 60% del latte raccolto e il 70 dei formaggi Dop prodotti in Italia proviene da un’azienda cooperativa. Lo rende noto l’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari in occasione della 100ma Giornata Internazionale delle Cooperative che si celebrerà il 2 luglio. 

Il lattiero caseario risulta fra i principali comparti cooperativi per fatturato, addetti e valore. Le 600 cooperative impegnate nel settore, con 17.000 stalle associate, fatturano 7 miliardi di euro e danno lavoro a oltre 13.000 persone. 

“Le cooperative costruiscono un mondo migliore” – riprende il tema dell’Anno Internazionale. “L’impatto economico delle cooperative va misurato oltre i soli parametri strettamente quantitativi, guardando al contributo che esse offrono al funzionamento generale dei sistemi economici e sociali – afferma Giovanni Guarneri, coordinatore del settore lattiero-caseario di Alleanza Cooperative Agroalimentari. (nella Foto) – Con la raccolta e la trasformazione del latte, la cooperazione garantisce tutt’oggi reddito a centinaia di migliaia di famiglie e contribuisce al mantenimento degli ecosistemi antropici, specie nelle aree montane o svantaggiate più a rischio di spopolamento. In un contesto in cui l’indirizzo politico e commerciale è marcatamente incentrato sul raggiungimento di obiettivi ambiziosi in termini di sostenibilità – basti pensare al Green Deal europeo, alla strategia Farm to Fork della Commissione UE e all’attenzione del consumatore rispetto alla sostenibilità ambientale e al benessere degli animali nelle sue scelte di consumo – il sistema cooperativo si pone come modello ideale per uniformare la filiera di riferimento ai nuovi standard. Oggi tutto questo deve essere comunicato a chi consuma i nostri prodotti in considerazione della crescente attenzione verso tutti i passaggi della filiera che contribuiscono alla produzione di un formaggio o di un bicchiere di latte, per promuovere una informazione corretta e completa a supporto dell’immagine del settore”. A questo tema è dedicata la campagna di comunicazione internazionale “Think Milk, taste Europe, Be Smart!” promossa dalla filiera lattiero-casearia dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, realizzata da Confcooperative e cofinanziata dalla Commissione Europea. 

Come ha ribadito l’ICA (International Cooperatives Alliance) nell’annunciare il tema della giornata 2022, operando in tutto il mondo, in molti settori economici diversi, le cooperative si sono dimostrate più resistenti alle crisi rispetto alla media. Promuovono la partecipazione economica, lottano contro il degrado ambientale e il cambiamento climatico, generano buoni posti di lavoro, contribuiscono alla sicurezza alimentare, mantengono il capitale finanziario all’interno delle comunità locali, costruiscono catene del valore etiche e, migliorando le condizioni materiali e la sicurezza delle persone, contribuiscono a una pace positiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.