Arriva “Dolce Passione” il cocomero a buccia nera 100% Made in Italy

La presentazione dell’innovativo cocomero “Dolce Passione” questa mattina a Lido Degli Estensi (FE)

La novità dell’estate 2022 in fatto di ortofrutta si chiama “Dolce Passione” ed è l’unico cocomero a buccia nera esclusivamente made in Italy. Una interessante novità varietale  frutto della sperimentazione di Lamboseeds  azienda di Sant’Agata Bolognese. impegnata sul fronte della sperimentazione e ricerca avanzata, e prodotta e commercializzata da Ortofrutta Castello di Stanghella (Padova) insieme a Alma Seges di Eboli (Salerno). 

“Dolce Passione”, che non è Ogm, è frutto di una sperimentazione genetica che ha consentito di ottenere un prodotto originale caratterizzato dalla buccia nera, da una polpa croccante e dolce insieme (grado brix non inferiore a 12, senza dubbio più vivace rispetto al tradizionale) e con pochi semi, piccoli, bianchi e perfettamente edibili. La sua pezzatura varia dai 3 ai 5 kg, presenta una bassa parte di scarto (buccia) con una grande quantità di polpa.

Prodotto da maggio a tutto settembre è indicato sia per il consumo tal quale sia come ingrediente per varie preparazioni, dai primi piatti ai secondi, dagli antipasti ai dolci e gelati.

La produzione che si prevede di raccogliere quest’anno dalle coltivazioni di “Dolce Passione”, che sarà commercializzata soprattutto presso la Gdo e sui mercati generali, si prevede possa superare i 60.000 quintali ottenuti su di una superficie complessiva di 100 ettari selezionando le aree più vocate per la produzione del cocomero del territorio italiano.

Si sta lavorando anche per l’esportazione inizialmente in Austria, Germania e Paesi scandinavi.  

Per quanto riguarda il mercato del cocomero in Italia l’annata 2022 è caratterizzata dalle elevate temperature. La conseguenza di questa situazione climatica, accompagnata da un andamento caratterizzato anche dalla grande siccità, come ha osservato Andrea Spigolon, responsabile tecnico di Ortofrutta Castello, è un incremento dei costi di produzione determinati anche dall’aumento delle irrigazioni. Un secondo aspetto è legato alla qualità del cocomero sempre per le alte temperature soprattutto se non si dispone di sufficienti quantità di acqua per l’irrigazione.

L’andamento climatico di quest’anno ha consentito raccolte anticipate ed una campagna di commercializzazione che potrebbe concludersi anticipatamente lasciando poi spazio a produzioni provenienti da altri paesi.

Quest’anno la produzione nazionale, secondo le ultime stime disponibili, indica una superficie di circa 12/13.0000 ettari coltivati capaci di fornire quantitativi che potrebbero aggirarsi intorno alle 500mila tonnellate di cocomeri commercializzati. 

Le vendite, soprattutto presso la GDO, sono in aumento di quasi il 30% sul 2021. I prezzi per quanto riguarda il cocomero a buccia nera “Dolce Psssione” sono tra 1,29 e 1,39 euro al chilo e in offerta sui 99 centesimi contro i prezzi al di sotto dell’euro per chilo del prodotto tradizionale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *