Cirfood: ricavi a 538 milioni e 15 di nuovi investimenti, ma niente redditività

Cirfood District

L’Assemblea dei Soci di Cirfood – impresa cooperativa italiana leader nella ristorazione collettiva, commerciale e nei servizi di welfare – ha approvato il Bilancio di esercizio 2022 che presenta ricavi consolidati pari a 538,1 milioni di euro, il 13,1% in più rispetto al 2021, e un patrimonio netto di gruppo di 123,7 milioni di euro.

Nonostante tali risultati, sul fronte dei ricavi, a causa dell’aumento dei costi già descritto, sia la Cooperativa che il Gruppo hanno conseguito un risultato netto negativo.

L’impennata inflattiva, l’esplosione dei costi energetici, gli impatti economici della guerra e la siccità hanno, infatti, avuto un’influenza negativa sul settore della ristorazione, in particolare collettiva, caratterizzata da un meccanismo di appalti, per lo più pubblici, con prezzi bloccati o soggetti, solo in parte, alla revisione Istat. Si tratta di servizi tuttavia essenziali che, con responsabilità, non sono mai stati interrotti dalle imprese del settore. Cirfood, infatti, ha continuato a garantire i pasti nelle scuole, negli ospedali, nelle case di riposo e nelle aziende, facendosi carico, in proprio, degli aumenti inflattivi.

Non nascondiamo che il 2022 sia stato un anno difficile per il nostro Gruppo e per il nostro settore, che ha sofferto l’inflazione sulle materie prime e sull’energia e gli strascichi della pandemia. Nonostante questi fattori, ci siamo impegnati a raggiungere gli obiettivi definiti dal Piano Strategico 2022 – 2025 grazie alla forza delle nostre persone e a un percorso solido a favore dell’innovazione, che si è concretizzato con l’apertura del nostro CIRFOOD DISTRICT. In questa direzione volgeremo il nostro sguardo per stimolare una crescita della nostra impresa e della ristorazione collettiva che sia sempre più sostenibile, all’avanguardia e inclusiva, auspicando al contempo un supporto da parte delle istituzioni a favore di un servizio che può essere considerato a tutti gli effetti di welfare pubblico” ha affermato Chiara Nasi, Presidente di Cirfood.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link