Imprenditori dell’Anno EY: vari gli industriali dell’alimentare

Ogni anno Ernst & Young assegna il Premio EY Imprenditore dell’Anno, riservato agli imprenditori che hanno contribuito in modo significativo alla crescita dell’economia italiana dimostrando intraprendenza, creatività e impegno senza eguali e che oggi meritano un riconoscimento che li valorizzi ancora di più.

Quest’anno lo hanno ricevuto anche vari esponenti dell’industria alimentare.
Tra gli altri Dario Roncadin, amministratore delegato della Roncadin SpA SB di Meduno (PN), azienda di pizze surgelate per la categoria “crescita globale”.
La motivazione del premio, infatti, è che Dario Roncadin porta avanti una «visione strategica e innovativa che gli ha permesso di guidare la crescita globale dell’azienda, portando un simbolo dell’eccellenza italiana all’estero, pur mantendendo il forte legame con il territorio e il sostegno dell’economia locale».
Roncadin realizza pizze surgelate per le insegne della grande distribuzione di tutto il mondo, sia con prodotti a marchio proprio, sia per le marche del distributore. La quota export ha raggiunto il 70% del fatturato e l’azienda ha sviluppato centinaia di ricette diverse per i vari mercati in cui è presente-

Per la categoria “Tradizione italiana” il riconoscimento è andato a  Romana Tamburini, presidente di Surgital, (nella foto) azienda di Lavezzola (RA) specializzata nella produzione di paste fresche surgelate per il canale Horeca.
Selezionata tra molte candidature, a convincere la giuria, e con un giudizio unanime, è la storia di una donna che ha saputo coniugare l’amore per la sua terra e per il buon cibo alla capacità di generare valore economico e sociale per l’azienda da lei fondata e per il territorio. La storia di Romana Tamburini racconta di una tenace imprenditrice che ha saputo superare le convenzioni di un tempo, avviando nel 1980 un laboratorio artigianale di tortellini di 45 mq. Qui, insieme al marito Edoardo Bacchini, con cui sigla un sodalizio personale e professionale che ancora continua, mette a frutto le sue capacità manageriali.  

Per lo sviluppo globale all’insegna della sostenibilità, Premio EY anche a Marina Nissim, Chairwoman di Bolton Group.
A ricevere il Premio Speciale Giuria è Enrico Cerea, Executive Chef di Da Vittorio S.r.l., “per aver saputo con sapiente intuizione fare dell’attività di famiglia un modello di business innovativo, valorizzando il proprio patrimonio culturale con metodologie all’avanguardia e portando così l’azienda a risultati eccellenti”.

Premio StartUp a Francesco Giberti e Luca Masseretti, ideatori della Babaco Market specializzata nelle consegne di ortofrutta con l’obiettivo di evitare lo spreco alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link