Follador, da oltre due secoli e mezzo la famiglia del Prosecco

Follador celebra quest’anno il 255° anniversario della sua tradizione enologica. Oltre due secoli e mezzo da quando nel 1769 il Doge Alvise IV della casata patrizia dei Mocenigo, riconobbe e attestò la superiorità dei vini prodotti da Giovanni Follador, che in quell’epoca lontana destinò a vigneto tutte le proprie terre.

Nel corso del tempo, la passione per l’eccellenza e l’intraprendenza proiettata all’innovazione hanno guidato la famiglia alla realizzazione di obiettivi ambiziosi. Una pagina importante di questa storia è stata scritta da uno dei discendenti, Gianfranco Follador, tra i primi Spumantisti del Valdobbiadene e ideatore dell’esclusivo Metodo Gianfranco Follador. Questa speciale tecnica di vinificazione prevede specifici passaggi nella fase iniziale e l’impiego di attrezzature adatte alla crio-macerazione, per estrapolare le molteplici proprietà delle bucce e donare struttura e personalità ad ogni etichetta.

Una visione che ha portato l’azienda a competere con i migliori vini italiani e internazionali, fino al raggiungimento del titolo di “Miglior Prosecco” al The Champagne & Sparkling Wine World Championships 2020, il più prestigioso concorso dedicato ai raffinati champagne e spumanti provenienti dai cinque continenti.

Tale riconoscimento ha acceso un faro sulla maestria e il saper fare di una discendenza cresciuta fra le vigne, custode di tradizioni antiche e rituali intramontabili, tipici di un Territorio circoscritto: il Conegliano Valdobbiadene.

Fin da bambini, abbiamo vissuto ogni anno da vicino tutti i riti annuali legati alla viticoltura: il germogliamento, la fioritura, la maturazione degli acini e finalmente la vendemmia, il momento di massimo lavoro e di massima festa” – racconta Cristina Follador, direttore vendite e marketing dell’azienda – “Il vino è nel nostro DNA e con questa lunga tradizione di vignaioli alle spalle abbiamo tutti scelto con grande naturalezza il nostro percorso.”

Terra d’incanto, tra le Dolomiti e Venezia, le colline di Col San Martino, a Valdobbiadene, sono riconosciute Patrimonio dell’Umanità e godono di una cultura che le rispetta e valorizza con massimo impegno. I filari ricamati con precisione hanno dato vita a un paesaggio culturale unico nel suo genere, in cui sorgono borghi storici di grande suggestione e panorami emozionanti, come quello dominato dalle Torri di Credazzo, sotto le quali si estende una parte dei vigneti di proprietà della famiglia Follador.

Oggi, la nona generazione composta dai fratelli Michele, Cristina, Francesca ed Emanuela raccoglie il testimone di questo patrimonio storico, proiettando il nome Follador a consolidare la sua immagine tra i principali interpreti e ambasciatori nel mondo del Prosecco D.O.C.G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link