Andamento mercati commodity agrifood: cereali e lenticchie

Areté. leader in Italia per i servizi di analisi e previsione sui mercati delle materie prime agrifood invia periodicamente gli highlights più significativi sugli andamenti dei mercati delle principali commodity agrifood.

Mercato: CEREALI
I primi mesi del 2024 hanno visto un’accelerazione dei movimenti al ribasso dei prezzi dei cereali. A trainare il comparto sono stati i movimenti del prezzo del mais, calato in media del 12% su Matif e del 6% sul c.tto 103 quotato dal listino di Bologna tra dicembre 2023 e febbraio 2024. A pesare sul mercato è stato un record produttivo negli Stati Uniti, accanto ad un miglioramento del meteo in Sud America, che ha dissipato i timori rispetto alle prospettive di produzione in Brasile ed Argentina. Il mercato UE ha subito anche l’effetto di esportazioni ucraine sopra le aspettative.
La debolezza dei prezzi del mais si è propagata anche su mercati che hanno visto raccolti meno abbondanti, come l’orzo: nonostante la produzione in calo (-8% in UE nel 2023/24 rispetto al 2022/23, a minimi pluriennali) i prezzi su Bologna hanno visto cali tra il 4% ed il 7% tra dicembre 2023 e febbraio 2024.
Anche sul frumento tenero si sono registrati ribassi, complice una produzione russa particolarmente abbondante che ha alleggerito la domanda per il frumento europeo. Nello stesso periodo, la flessione dei prezzi è stata del -6% sul frumento n.3 quotato a Bologna, -7% su MATIF.

Mercato: LENTICCHIE
Scorte nord americane vicine a dei minimi storici, dopo tre campagne deficitarie in Canada, contribuiscono ad alimentare il trend inflattivo, innestatosi dalla seconda metà del 2022, che sta caratterizzando i prezzi delle lenticchie verdi. Le verdi medie quotate in Saskatchewan, riferimento per il mercato globale, da inizio anno, hanno registrato aumenti dell’11%. I rincari rispetto allo scorso anno sono di circa il 50%. Il premio delle lenticchie verdi sulle rosse, che beneficiano di scorte nord americane più ampie e di un’offerta competitiva da Australia, Russia e Kazakistan, ha così toccato un record storico a circa 40 CAD/cwt (circa 540 €/t).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link