Indagini su false recensioni e ricatti degli influencer ai ristoranti

La polizia di Roma indaga su un giro di ricatti e minacce ai danni dei ristoratori che vengono di fatto costretti a pagare per avere delle recensioni favorevoli sulle piattaforme digitali più utilizzati dai clienti (Google e Tripadvisor, per capirci). Se i ristoratori pagano hanno le recensioni positive. Se non pagano vengono affossati da una pioggia di commenti negativi.

Il Gambero Rosso – che pubblica in esclusiva la notizia sul mensile in edicola dal 28 febbraio – ha potuto visionare documenti riservati e chat segrete sulle quali adesso farà luce la magistratura ordinaria.  

Tra gli altri il mensile racconta ad esempio le storia di Vincenzo Colao, patron del ristorante Ripa12 di Roma, che è arrivato a presentare denuncia alle forze dell’ordine per le minacce ricevute per non aver accettato la proposta ricevuta da un numero proveniente dal Bangladesh, il cui titolare dichiarava di essere un promotore professionale di recensioni Google: 100 recensioni positive al costo di 400 euro. Senza arrendersi al primo rifiuto, i contatti sono proseguiti fino al ricatto: “Sono passati dieci giorni ormai e non accetti più recensioni. Il mio lavoratore inizierà a dare recensioni negative quando si arrabbia”.  

Il racket delle recensioni è solo uno degli aspetti di questi ricatti ai quali i ristoratori italiani sono sottoposti in questo periodo di far west normativo. L’altro sui quali il Gambero Rosso pone l’accento nella sua inchiesta è quello dei food blogger, un esercito di piccoli operatori dei social che di fatto taglieggia gli esercenti con un ricatto latente e implicito non dissimile da quello delle recensioni: “Pagaci (almeno il pranzo) e ti faremo pubblicità sui nostri canali. Altrimenti sparirai nell’oblio”. 

E così, per uno spot, spesso non dichiarato, al proprio locale, i ristoratori finiscono per dover offrire una cena completa per due-tre persone, cui va aggiunto un fee di 70€ per un reel da un profilo con 10mila follower, con prezzi che salgono a seconda del seguito. Un business che vale milioni di euro che sta drogando il mercato della ristorazione e il mondo del food, screditando il ruolo autentico della critica enogastronomica con recensioni tutte uguali e prodotte senza una profonda conoscenza di cibi, ingredienti e materie prime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link