Consiglio e Parlamento UE: stop a prodotti fatti con lavoro forzato

 Il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sul regolamento che vieta l’ingresso sul mercato comunitario i prodotti realizzati mediante lavoro forzato. L’accordo sostiene l’obiettivo principale della proposta di vietare l’immissione e la messa a disposizione sul mercato dell’UE, o l’esportazione dal mercato dell’UE, di qualsiasi prodotto realizzato utilizzando il lavoro forzato e introduce modifiche significative alla proposta originaria, chiarendo le responsabilità della Commissione e delle autorità nazionali competenti nel processo investigativo e decisionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link