Alce Nero propone la sua gamma di riso

Alce Nero, il marchio di agricoltori e trasformatori biologici dal 1978, propone la sua gamma di riso, coltivato in Italia secondo i rigorosi criteri del disciplinare biologico.  Dalle risaie del Piemonte e della Lombardia nascono chicchi pregiati e dall’altissima qualità, perfetti per portare in tavola bontà e tradizione. In particolare, nella linea sono compresi:

Il riso Carnaroli: ha chicchi lunghi e perlati, è coltivato in Italia ed è il più utilizzato per i risotti proprio grazie alla dimensione dei suoi chicchi e all’alta percentuale di amilosio, capace di assicurare un’ottima tenuta in cottura. Oltre ai risotti, è indicato anche per i contorni e le insalate di riso. Il confezionamento è sottovuoto e ogni confezione è contraddistinta da una “carta d’identità” che ne descrive le caratteristiche, i territori di provenienza e le tecniche colturali.

Il riso integrale: anch’esso coltivato in Italia, è ideale per la preparazione di minestroni di verdura e insalate fredde. Alce Nero ci dà alcuni consigli su come cuocere il riso integrale: è possibile cuocerlo tradizionalmente (con acqua leggermente salata per circa 40 minuti) o per assorbimento. Per cuocere ad assorbimento si dovrà far cuocere una porzione di riso in 3 porzioni corrispondenti di acqua (es. 100gr di riso in 3 litri di acqua leggermente salata).

Il riso Nerone integrale, italiano, ha chicchi grandi di colore nero, si mantiene sempre al dente e si abbina perfettamente a ricette a base di pesce. Il colore nero del chicco è naturale, non vi è quindi una colorazione successiva alla raccolta. Il colore nero è dovuto alle sostanze polifenoliche e agli antociani. È una varietà originaria della Cina ed è stato introdotto in Italia negli anni ’90. 

La gamma di riso Alce Nero comprende inoltre il riso Arborioil Baldo e il Rosa Marchetti, e ancora il riso Basmati coltivato in India e certificato Fairtrade. 

Alce Nero da sempre si impegna rispetto alla divulgazione e alla trasparenza sui propri metodi di coltivazione e sui propri processi produttivi. Un ulteriore passo verso questo racconto è stato rappresentato dal lancio del progetto Se dici Bio, grazie a cui vengono presentate le principali filiere del marchio attraverso una narrazione inedita e autentica. Proprio grazie a questo, è possibile consultare un approfondimento sulla coltivazione del riso Alce Nero e sul suo impegno per un’agricoltura sostenibile e responsabile: www.alcenero.com/blogs/riso-risorse/la-coltivazione-del-riso-in-biologico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link