Le cooperative vinicole valgono il 50% del mercato italiano

Si conferma il peso della cooperazione nel mondo vinicolo. Infatti nella classifica delle principali cantine italiane per fatturato sono presenti ben 40 cooperative (su un totale di 117), che fatturano 3,7 miliardi di euro, con una quota pari al 42% del fatturato complessivo. In particolare le cooperative detengono il 34% del fatturato generato dall’export, quota che sale fino al 52% se si considera invece il fatturato sul mercato domestico delle cantine Top100. 
Son o questi i dati salienti presentati oggi a Milano, nel corso di una conferenza stampa organizzata da Confcooperative Fedagripesca

Analizzando nel dettaglio il peso delle cantine cooperative presenti in classifica, spicca il dato sugli ettari vitati lavorati dalle migliaia di soci che operano sul territorio nazionale: si tratta di 152.280 ettari che rappresentano più del 25% del totale vigneto Italia. Se si analizza l’andamento degli ultimi cinque anni, ha precisato Anna Di Martino , “emerge come ci sia stato un incremento che supera il 26%: l’ammontare degli ettari è cresciuto o per l’arrivo di nuovi soci o per il potenziamento della proprietà di quelli esistenti o per l’aggiunta di altri vigneti in affitto”.
Complessivamente le 40 cooperative presenti in classifica portano sul mercato 1 miliardo e 186 milioni di bottiglie, dato che ha registrato un trend di crescita costante negli ultimi cinque anni pari complessivamente al +20,8%. 

 “L’incidenza delle cooperative nei primi posti della classifica si è mantenuta costante negli ultimi cinque anni”, ha commentato il presidente di Confcooperative Fedagripesca Carlo Piccinini.  “Fondamentale si conferma l’aspetto dimensionale delle nostre associate, oltre alla leva dell’aggregazione, come attestano alcuni recenti casi di fusioni e accorpamenti di cooperative che le hanno rese più forti e competitive sul mercato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link