Non più solo zucchero, Eridania diversifica

Giunta alla soglia del 125 anni di età, venne fondata a Genova nel 1899, Eridania pensa a importati diversificazioni che non l leghino soltanto allo zucchero, in un mondo dove questo prodotto è sempre meno consumato.
“L’italia ha un consumo di zucchero intorno a 1 milione e 900mila tonnellate, di questi circal’85% viene utilizzato dall’industria il rimanente 15% è quello acquistato nel retail o consumato fuori casa. La penetrazione è all’85%, vuol dire che l’85% delle famiglie italiane lo utilizza, anche se sempre meno” ha detto Alessio Bruschetta, amministratore delegato di Eridania Italia.

L’azienda ha chiuso il 2023 con un fatturato consolidato di 354 milioni di euro,  di cui il 65% arriva dalla parte industriale e il 35% dal retail.

La diversificazione è cominciata dall’alcool e procede su altre tipologie di prodotto. Tra l’altro si sta lavorando a miscelati per torte e preparati per dolci e colazione.

Per questo il gruppo sta investendo 20 milioni di euro negli stabilimenti di Ravenna e Brindisi rivolti in particolare a efficientamento energetico e sviluppo dell’automazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link