Come favorire un’adeguata conservazione degli alimenti deperibili

Una corretta conservazione degli alimenti deperibili permette di preservarne i livelli qualitativi e ampliarne il naturale ciclo di vita.

Tale processo è reso possibile da una gestione ottimale della supply chain agroalimentare, che prevede il monitoraggio dei prodotti in tutte quelle fasi che precedono il loro arrivo presso i diversi canali di distribuzione.

Una buona sinergia fra tutte le procedure è garanzia di qualità e sicurezza alimentare, ed è sinonimo di una migliore efficienza operativa a vantaggio di performance, produttività e trasparenza.

Alimenti deperibili: i processi che aiutano ad arrestare la degradazione


Il deterioramento è un processo che si verifica naturalmente in tutti i beni alimentari e che nel tempo finisce per comprometterne le caratteristiche qualitative.

Evitarlo è impossibile, ma può essere rallentato attraverso il mantenimento della giusta temperatura di conservazione, che permette di inibire il naturale moltiplicarsi di quei microrganismi responsabili delle alterazioni fisiche, chimiche, biologiche degli alimenti.

Per favorire una gestione corretta di questi beni in ogni fase del percorso che precede il loro arrivo nei canali di distribuzione, è possibile optare per la conservazione degli alimenti deperibili con STEF, azienda specializzata che si contraddistingue per una rete a temperatura controllata i cui standard sono attestati dalle più importanti certificazioni del settore.

Supply chain agroalimentare: le procedure di conservazione che preservano la qualità dei di beni deperibili


Trasporto e stoccaggio 
sono i processi più impattanti sull’intera fase di conservazionedelle merci agroalimentari.

Proprio per questo, le aziende operanti nel settore e coinvolte a vario titolo nella gestione di alimenti freschi, surgelati e termosensibili devono rispettare una serie di regolamenti, finalizzati ad assicurare un perfetto monitoraggio dei beni, in conformità a quanto previsto dalle normative in materia di igiene e sicurezza alimentare

Naturalmente, le procedure di trasporto e stoccaggio sono diverse al variare delle caratteristiche e della tipologia di alimenti. Per quanto concerne i beni deperibili, per esempio, è fondamentale predisporre una supply chain a temperatura controllata,sempre nel rispetto della catena del freddo.

Per quanto riguarda il trasporto, una corretta conservazione di questi beni richiede l’utilizzo di mezzi dotati di apposite celle frigorifere e, nel caso in cui si preveda il trasporto di prodotti surgelati, di veicoli a controllo totale della temperatura negativa. Bisogna poi disporre di adeguate piattaforme di stoccaggio, evitando di discostarsi dalle temperature di riferimento, e porre la massima cura alla fase organizzativa, soprattutto in merito all’organizzazione e alla disposizione degli spazi.

Inoltre è necessario assicurarsi che i magazzini rispondano alle caratteristiche operative richieste per la conservazione dei prodotti deperibili: è fondamentale infatti che le aree siano dotate di sistemi di aerazione ed evacuazione del vapore, di un sistema di ventilazione regolato secondo quanto predisposto dalla normativa e di punti di accesso schermati tramite reti di protezione lavabili.

Devono essere lavabili anche tutti gli scaffali adibiti al deposito alimentare, persino qualora siano designati a ospitare prodotti confezionati. Inoltre, al fine di assicurare una perfetta pulizia delle aree calpestabili, devono essere collocati in una posizione rialzata rispetto alla pavimentazione, oltre a essere ubicati in un assetto che non esponga le merci alla luce del sole. I prodotti devono poi essere etichettati e accompagnati da un sistema di registrazione, che ne assicura il costante monitoraggio, a garanzia di sicurezza e trasparenza.

Una perfetta gestione di queste fasi permette di preservare i beni deperibili, salvaguardandone la qualità e la salubrità lungo tutta la catena di approvvigionamento. Attraversato una gestione ottimale della supply chain è possibile inoltre identificare e affrontare tutte le potenziali carenze operative, riducendo ogni genere di spreco e tutte quelle inefficienze che nel tempo possono tramutarsi in un costo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link