La pizza non teme la crisi: la metà dei locali conta di aumentare il fatturato

La pizza in italia va sempre forte e il settore non teme la crisi. Anzi!
Cinque pizzerie su dieci contano di aumentare il loro fatturato quest’anno. Tre su dieci prevedono un andamento in linea con il 2023. E solo poco meno di due su dieci temono un calo lieve (11,5%) o importante (7%). E’ quanto emerge dall’Osservatorio pizza 2024, l’indagine di Cna Agroalimentare presentata in occasione di TuttoPizza, il Salone internazionale della pizza che si tiene a Napoli.

La maggiore affluenza nella quasi totalità dei locali che hanno partecipato alla indagine si registra a cena e nei fine settimana. Le famiglie rappresentano il 48% della clientela e i gruppi seguono a ruota. I giovani sotto i 30 anni costituiscono un terzo dei frequentatori. E sempre di più la pizza attira i turisti, ormai un quinto della clientela complessiva.

Gradite anche le pizze “speciali”: i locali che le propongono hanno generalmente un’affluenza maggiore del normale: in media 95 al giorno rispetto a 88.

Per quanto riguarda i prezzi il 30% delle pizzerie intervistate offre la Margherita a meno di 5 euro, il 62% tra i 5 e gli 8 euro, il 4% tra gli 8 e i 12 euro e il 4% oltre i 12 euro. Mentre la Capricciosa/Quattro stagioni il 46% di quanti hanno partecipato alla indagine la vende tra i 5 e gli 8 euro, il 50% tra gli 8 e i 12 euro, il 4% oltre i 12 euro. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link