Dal Garda a Roma come cambia il prezzo del gelato in Italia

Città che vai prezzo del gelato che trovi. Il costo di un cono o di una coppetta varia anche molto lungo lo stivale. Ha provato a fare i conti la piattaforma di apprendimento Preply ha analizzato e pubblicato gli attuali prezzi al dettaglio di una pallina di gelato in 40 popolari destinazioni turistiche non solo nazionali.

E allora il gelato più economico si trova sul Garda dove una pallina costa 2,14 euro, mentre per contro il più caro è a Roma dove può arrivare a costare fino a 3,62 euro.

A Rimini, dove peraltro si tiene ogni anno il SIGEP, una delle maggior fiere internazionali della gelateria, pasticceria e panificazione, il costo medio di una pallina è 3 euro. Tuttavia, è possibile gustare un ottimo gelato a meno di 3 euro in Sicilia (a 2,52 euro), in Puglia (a 2,60 euro) e in Sardegna (a 2,66 euro).

E all’estero? In Europa i gelati più a buon mercato sono sulla costa turca, mentre il più caro è la Norvegia con 5,41 euro a porzione.

Per calcolare il prezzo di vendita di una pallina di gelato, entrano in gioco diversi fattori: innanzitutto, ci sono i costi delle materie prime, come gli ingredienti per il gelato ma anche quelli dei coni o delle coppette. A questi si aggiungono i costi del personale e altre spese operative come l’affitto della gelateria, il marketing e le perdite dovute alla merce invenduta. Naturalmente anche il ristoratore vuole sua parte: il prezzo di vendita non solo contiene un margine di guadagno per il venditore, ma anche l’IVA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link