Il Foodservice italiano vale 41 miliardi ed è primo in Europa per fatturato

“Il comparto del Foodservice italiano continua a registrare ottimi risultati e quest’anno il valore globale di quella che possiamo definire come “cucina italiana nel mondo” è cresciuto ulteriormente. Un segnale molto positivo che va di pari passo con i risultati dei ‘Full Service Restaurant’: il nostro Paese è il primo in Europa per valore generato. Per quanto riguarda le catene, nonostante l’incidenza in Italia sia ancora relativamente inferiore rispetto alla media mondiale (10% vs 35%), la traiettoria di crescita è allineata al trend globale”, ha commentato Tommaso Nastasi, Partner e Value Creation Service Leader di Deloitte Italia intervenendo al convegno “Dire Fare Mangiare” durante il quale è stata presentata la nuova edizione del report “Foodservice Market Monitor” di Deloitte.

I dati fotografano un settore con ottime prospettive e un tasso di crescita 2023-2028 che sfiora il 4%.
A livello italiano, di particolare interesse è il settore della ristorazionedi catena, per cui sono previsti ampi margini di sviluppo proprio per l’attuale minor penetrazione di mercato.

Secondo Cristian Biasoni, Presidente di Aigrim (Associazione Imprese Grande Ristorazione Multilocalizzata): “La crescita sarà guidata da alcuni trend principali, quali l’aumento dei consumi food fuori casa e la polarizzazione dei gusti dei consumatori, sempre più attenti all’experience e a scelte di consumo che si traducono nella loro identificazione con i brand”.

Secondo il Report Deliitte l’Italia è in testa alla classifica europea per volume d’affari dei ristoranti, che nel 2023 ha raggiunto i 41 miliardi. Ma il valore del Foodservice Made in Italy non si ferma qui: a livello globale la cucina del Bel Paese vale oltre 240 miliardi, superando il valore raggiunto nel 2022, pari a 228 miliardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link