Forum

Domanda bevande alc...
 
Notifiche
Cancella tutti

Domanda bevande alcoliche in ripresa dopo la pandemia


ITALIANFOODTODAY
(@admin)
Membro Admin
Registrato: 7 anni fa
Post: 65
Topic starter  

La ripresa dell’Horeca dopo lo stop imposto dalla pandemia ha determinato una nuova crescita del mercato delle bevande. Il venir meo delle restrizioni ha visto la domanda crescere del 30% nel 2021 rispetto al 2020.  Secondo i dati NielsenIQ, nel 2021 sono cresciute anche le vendite di soft drinks in GDO (+1,7% vs 2020 a volume) grazie in primis a bevande piatte, bibite per la mixology e sport/energy drinks. Si sono invece ridotte nel complesso le vendite di bevande gassate (-0,8% vs 2020).

I dati sono stati diffusi al Cibus di Parma durante l’assemblea di Assobibe,  l’associazione di Confindustria che rappresenta i produttori di bevande analcoliche dedicata al tema: “Affrontare uniti la tempesta perfetta. Le sfide della filiera italiana delle bevande analcoliche”.

Da fine del 2021 si sta assistendo ad una crescita esponenziale dei prezzi delle materie prime energetiche (es. +592% per il gas naturale e +77% per il petrolio a marzo 2022 rispetto a marzo 2021), un forte danno per l’Italia alla luce dell’elevata dipendenza dall’estero per gli approvvigionamenti (in primis dalla Russia). I rincari riguardano anche il food: a marzo 2022 l’Indice dei prezzi alimentari della FAO ha raggiunto i livelli più alti di sempre: 159,3. L’aumento dei costi delle materie prime energetiche e agricole, dei metalli (tra cui l’alluminio), degli input produttivi e dei trasporti unitamente alle difficoltà di approvvigionamento e ai rallentamenti nella logistica stanno mettendo a dura prova l’operatività delle imprese italiane, un fenomeno che coinvolge anche le imprese dell’alimentare e delle bevande e i comparti funzionali al settore (es. packaging e distribuzione).

La crescita dei prezzi di beni e servizi sta impattando anche sulle famiglie italiane: secondo l’Osservatorio Packaging del Largo Consumo di Nomisma, 4 italiani su 10 sono preoccupati dell’inflazione tra caro bollette/benzina e aumento dei prezzi di alimenti e altri beni. A causa di tale scenario, i primi mesi del 2022 vedono dei segnali di rallentamento per il mercato dei soft drinks in GDO: nel complesso i volumi venduti calano del 3,6% nel I trimestre 2020 vs 2021, mentre i valori restano pressoché stazionari in virtù di un incremento dei prezzi medi (fonte: NielsenIQ).


Citazione
Condividi: